News per Miccia corta

14 - 07 - 2008

Settant'anni fa i provvedimenti del fascismo contro gli ebrei

 

 

 

(la Repubblica, lunedí, 14 luglio 2008)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il manifesto sulla razza fu pubblicato il 14 luglio del 1938 sul "Giornale d'Italia"

 

Papa Pio XI pensava a una serie di misure contro la campagna anti-israelitica

 

Le misure razziste furono sostenute dai medici Pende e Visco, ma anche da giornalisti e uomini di cultura come Volpe, Fanfani, Monelli, Ansaldo e Malaparte

 



 

 

NELLO AJELLO

 




A emettere il primo acuto è Il Giornale d'Italia. Lí, il 14 luglio 1938 (sotto la data del 15 trattandosi di un quotidiano della sera) appare un manifesto intitolato «Il fascismo e i problemi della razza», attribuito a «un gruppo di studiosi fascisti», di cui non si fanno i nomi. Il testo, diviso in dieci punti, culmina in una rivendicazione della purezza razziale degli italiani e denuncia il rischio che il loro sangue venga contaminato dall'incrocio con ceppi extra-europei, portatori di varietá  biologiche diverse da quella ariana. Il punto 9 del manifesto porta un titolo rivelatore: «Gli ebrei non appartengono alla razza italiana».

 

Solo il 26 luglio, il Partito nazionale fascista rivela le generalitá  degli autori del manifesto. Tra i quali i piú celebri sono il patologo Nicola Pende, il biologo Sabato Visco e lo psichiatra Arturo Donaggio. Si informa che gli estensori del documento, redatto sotto l'egida del Ministero della Cultura Popolare, sono stati ricevuti dal segretario del Partito, Achille Starace. Poco piú tardi Pende e Visco protestano, sostenendo che il testo originario è stato "rimaneggiato". Ma ben presto tacciono.

 

Chi non tacque affatto, fin da principio, furono gli intellettuali "militanti" - letterati, storici, giornalisti - quasi che l'avvio ufficiale della campagna antisemita rientrasse nei loro piú fervidi voti. L'acuto risuonato sulle colonne del Giornale d'Italia diventó cosí un coro. Non soltanto gli organi di stampa del razzismo ufficiale, come La vita italiana di Giovanni Preziosi, Il Quadrivio o Il Tevere di Telesio Interlandi, Il Regime fascista di Farinacci, ma anche i quotidiani meno etichettati aderirono alla nuova missione. E per un certo numero di scrittori l'antisemitismo rappresentó una palestra per esercitare virtú retoriche e talenti pedagogici.

 

Fu proprio Interlandi a proclamare sulla Difesa della razza, fin dai primi giorni dell'agosto 1938, che la campagna antisemita mirava alla «liberazione dell'Italia dai caratteri remissivi» che le erano «stati imposti dalle precedenti classi politiche». Quale occasione migliore, dunque, per mostrarsi aggiornati e «rivoluzionari»? In un saggio pubblicato in quattro puntate nella rivista Il Ponte fra il 1952 e il 1953, Antonio Spinosa avrebbe poi offerto una nutrita antologia di scritti di chiara obbedienza razzistica. Altrettanto ricca in questo senso è la Storia degli ebrei italiani sotto il fascismo di Renzo De Felice. Si tratta di una documentazione inquietante.

 

Per questo genere di letteratura, il 1938 è un anno privilegiato. Esce un trattato di Gabriele De Rosa, intitolato La rivincita di Ario. Vi si sostiene «l'identitá  ebraismo=comunismo», binomio al quale si oppone con i fatti «l'asse Roma-Berlino»: l'Italia, specifica l'autore, sta combattendo «in terra di Spagna non l'iberico nemico, ma la terza internazionale ebraica, quella creata dall'ingegno giudaico-massonico del Komintern». Gli fanno eco, tra gli altri, giornalisti come Felice Chilanti e Ugo D'Andrea.

 

 

Critici delle piú varie discipline denunziano, intanto, i danni che l'ebraismo infligge alla creazione artistica. In agosto un noto musicologo, Francesco Santoliquido, definisce la musica moderna «un vero e proprio monopolio della razza ebraica». Il critico letterario Francesco Biondolillo cerca di dimostrare che «il pericolo maggiore è nella narrativa». Qui, «da Svevo, ebreo di tre cotte, a Moravia, ebreo di sei cotte, si va tessendo tutta una miserabile rete per pescare dal fondo limaccioso della societá  figure ripugnanti».

 

Moravia non era nuovo a simili attacchi. Giá  nel 1931, in visita a Giovanni Papini, era stato da lui accolto con le parole: «Lei collabora alla rivista Solaria. I solariani sono o zoppi, o ebrei, o omosessuali. Lei è tutte e tre le cose». Era una frase almeno in parte inesatta, avrebbe poi commentato il romanziere. Essa rientrava comunque nello stile dello scrittore fiorentino il cui romanzo Gog, edito proprio nel '31, si ispirava al piú schietto antisemitismo.

 

Ora, nei tardi anni Trenta, quei precedenti si amalgamavano al seguito di una parola d'ordine unitaria. Gli intellettuali razzisti di sentimenti razzisti si moltiplicavano. Fra quelli destinati a diventare proverbiali figura Guido Piovene. ሠlui a firmare, sul Corriere della sera del 15 dicembre 1939, una recensione entusiastica al libello di Interlandi Contra judaeos. Gli attribuisce il merito di «aver ridotto all'osso la questione ebraica». Salvarsi dagli influssi semitici, suggerisce, non è difficile: «si deve sentire d'istinto, e quasi per l'odore, quello che v'è di giudaico nella cultura». Nella Coda di paglia (1962), lo scrittore formulerá  una drammatica abiura, confessando di aver «obbedito da schiavo», senza sentirsene mai «partecipe», alle direttive del regime.

 

In altri casi, come quello di Amintore Fanfani - il quale sostenne nel '39 che «per la potenza e il futuro della nazione gli italiani devono essere razzialmente puri» - un'abiura altrettanto recisa non ci sará . E neppure qualcosa di simile verrá  espressa dallo storico Gioacchino Volpe (1876-1971), al quale la politica della razza pura parve una tappa verso la costruzione di un'Europa «veramente unita e solidale».

 

Ma torniamo a letterati e giornalisti. Con lo scoppio della guerra l'antisemitismo assurge a epidemia. Dal ghetto di Varsavia, nel '39, Paolo Monelli scrive per il Corriere della sera: «Nulla ci pare di avere in comune con questa schiatta ebraica, con la sua strana lingua, le sue insegne illeggibili, gli esotici costumi, i gesti paurosi, l'andare sbilenchi il piú rasente al muro possibile». Dalla Cecoslovacchia Curzio Malaparte denunzia sullo stesso giornale «il pericolo sociale che rappresenta», per le cittá  boeme, «l'enorme massa del proletariato giudaico»; mentre Giovanni Ansaldo scopre sulla Gazzetta del Popolo che sono stati gli ebrei ad aggravare il conflitto mondiale: «i "rabbi" di Nuova York, spingendo l'America alla guerra, hanno seguito l'istinto e la tradizione della razza».

 

Ci sono poi gli ossessi, come Mario Appelius e Marco Ramperti. Il primo definisce «Israele traditore del mondo». Per il secondo «piú che dalla stella gialla gli ebrei si riconoscono dalla ferocia dello sguardo». Fra questi mostri, egli ne privilegia uno: «il piú sozzo, il piú ripugnante, il piú disumano e nemico è Charlot».

 

Furono tutti cosí, gli "osservatori" italiani degli anni Trenta? Perfino nelle file fasciste si riscontrano casi di adesione al razzismo solo parziale, o perfino di ripudio. Pur ufficialmente antisemita, Giuseppe Bottai, a detta di un suo biografo, Alexander J. De Grand, «fu in grado di limitare l'applicazione alla cultura» delle teorie discriminatorie. Martinetti espresse la sua disapprovazione fin dal novembre 1938. A contrasti significativi si assiste anche nel dibattito sul tema «arte e razza». Ugo Ojetti si riconosce nel "pollice verso". Di parere opposto è Carlo Carrá : «Chiamare ebraizzante l'arte moderna», dichiara, «è tutto sommato molto puerile». Non per motivi di estetica, ma di fede, si oppone al razzismo Giorgio La Pira.

 

In campo cattolico le posizioni in materia sono variegate. Papa Pio XI, Achille Ratti, non smetterá  di deprecare le «ideologie totalitarie», di cui sono frutto il «nazionalismo estremo» e il «razzismo esagerato», mentre meno reciso risulta l'atteggiamento di buona parte della gerarchia. Un simile quadro, giá  noto, s'arricchisce in questi giorni di nuovi particolari. Nel prossimo numero della Civiltá  cattolica padre Giovanni Sale, storico della Compagnia di Gesú, ripercorre la vicenda, pubblicando una lettera inedita di Bonifacio Pignatti, ambasciatore d'Italia in Vaticano. In questa lettera, datata 20 luglio 1938 (cinque giorni dopo la pubblicazione del manifesto antisemita), il conte Pignatti scrive che «il Papa medita le contromisure da adottare dinnanzi alla campagna anti-israelitica progettata dall'Italia, e che verrá  condotta in base ai principi di purezza di razza, redatti dai professori universitari italiani».

 

L'articolista ricorda che una settimana piú tardi lo stesso Pio XI - in un discorso agli studenti di Propaganda Fide attaccó con forza l'indirizzo filo-tedesco adottato dal regime in campo razziale. La stessa severitá  il pontefice avrebbe mostrato il 6 settembre del '38 - quasi in extremis: sarebbe morto il 10 febbraio successivo - sostenendo di fronte a un gruppo di pellegrini belgi «che l'antisemitismo è inammissibile e che spiritualmente siamo tutti semiti perché discendenti da Abramo, nostro padre nella fede». Era, osserva padre Sale, «la prima volta che un pontefice in modo chiaro ed esplicito condannava l'antisemitismo». Ci si puó chiedere se ci sarebbero state altre volte.

 

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori