News per Miccia corta

29 - 05 - 2008

Ecco il "volto buono" del razzismo. Almifrante, tra manganello e modernitá 

 

(Liberazione, giovedí 29 maggio 2008)

 

 

 

Rina Gagliardi

 

 


 

E dunque, di botto, dopo parecchi lustri di oblio, Giorgio Almirante torna d'attualitá . Un segno inequivocabile dei tempi oscuri che stiamo vivendo, certo. Ma anche l'ennesima furbizia di un revisionismo storico (e toponomastico) che sfrutta a dovere anche la smemoratezza diffusa. Chi sa piú, tra i giovani d'oggi, chi era Giorgio Almirante, che cosa è stato, che cosa ha fatto o detto? Gianni Alemanno, invece, lo sa bene - come tutti i dirigenti politici "postfascisti", di formazione rautiana o romualdiana o servelliana che siano.

Perció rivendica oggi il suo "diritto" a celebrare il capo del fascismo italiano del dopoguerra, sia pure nella forma simbolica d'una strada o d'una piazza. Per sancire, anche cosí, la ri-legittimazione piena d'una storia, di una posizione politica, di una ideologia. E per passare davvero a una "Terza Repubblica" che, dopo la lunga e instabile transizione dell'ultimo quindicennio, porti a compimento la sepoltura definitiva della Prima: cioè la fine dell'antifascismo come collante nazionale e unica religione laica del Paese. Allo scopo, la figura di Almirante si presta bene, quasi a perfezione: è vero che diresse, pressoché da autocrate, il Movimento Sociale Italiano per la bellezza di 254 mesi complessivi; è vero che ebbe successi televisivi nelle Tribune politiche dei primi '70; è vero che fu "quasi" sdoganato da Bettino Craxi (e dall'allora imprenditore rampante Silvio Berlusconi) al quale forní un sostegno (decisivo) per la liberalizzazione del sistema televisivo; ma è vero anche che, alla fin fine, per tutta la durata della Prima Repubblica non contó quasi nulla. Restó un politico marginale ed emarginato - il politico che non poteva tenere comizi in tante cittá  d'Italia, il leader al quale i lavoratori del "Cantagallo" si rifiutarono una volta di servire il pranzo. Altri tempi, certo, colmi di passione civile e di (sano?) settarismo.

 

La storia politica di Giorgio Almirante, figlio di una famiglia di attori con ascendenze nobili, ha una data d'inizio molto precisa: 1938, anno delle leggi razziali. Al giovane fascista, laureando in lettere e fino ad allora distintosi solo come fiduciario del Guf, quelle leggi accendono il sacro fuoco dell'impegno. Giá  redattore del quotidiano Il Tevere , diventa segretario di redazione della rivista La difesa della razza , dove sviluppa una linea apertamente razzista e antisemita. A chi obiettava che, con quel provvedimento, il regime mussoliano si appiattiva quasi totalmente sul nazismo tedesco, Almirante rispondeva cosí: «Il razzismo è il piú vasto e coraggioso riconoscimento di sé che l'Italia abbia mai tentato. E' veramente assurdo sospettare che il movimento inteso a dare agli italiani una coscienza di razza [...] possa servire ad un asservimento ad una potenza straniera». In diversi altri articoli, spiegava la necessitá  di liberare l'Italia da "ebrei e meticci", soprattutto dai primi, usi notoriamente ad infiltrarsi nei giornali. E argomentava con parole chiarissime la piena coerenza tra cattolicesimo e razzismo: «Noi ci vantiamo di essere cattolici e buoni cattolici. Ma la nostra intransigenza non tollera confusion di sorta... Nel nostro operare di italiani, di cittadini, di combattenti, nel nostro credere obbedire e combattere, noi siamo esclusivamente e gelosamente fascisti. Esclusivamente e gelosamente fascisti nella teoria e nella pratica del razzismo». Anni dopo, Almirante sconfesserá  questi concetti, e arriverá  a sostenere che, in quegli anni, non era possibile (sic) pensarla diversamente. Ma non sconfesserá  mai, ad ogni buon conto, la sua attivitá  repubblichina. Dopo l'8 settembre 1943, infatti, Almirante diviene (secondo la celebre espressione di Luciano Violante) un "ragazzo di Saló": si arruola nella Guardia Nazionale Repubblicana, lavora con il ministro della cultura popolare Mezzasoma, diventa tenente della brigata nera del Minculpop. Un combattente repubblichino. Un fucilatore di partigiani, come lo definí nel 1971 Luigi Pintor in una delle prime e piú appassionate campagne de il manifesto , a proposito del bando del maggio '44 in Val d'Ossola, firmato proprio da Giorgio Almirante: «Tutti coloro che non si saranno presentati saranno considerate fuorilegge e passati per le armi mediante fucilazione alla schiena», recitava quel bando. Non ottenemmo soddisfazione in tribunale, no - e Almirante rispose con la sua sarcastica "Autobiografia di un fucilatore". Ma, grazie a quella campagna, molti riscoprirono che l'antifascismo restava un valore insopprimibile, fondativo, "non superabile". Come non si poteva considerare superata, ancorché inapplicata, quella disposizione costituzionale che "vietava la ricostituzione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito nazionale fascista".

 

Il 26 dicembre 1946, Almirante è tra i fondatori del Movimento Sociale Italiano: ne sará  segretario tra il 1947 e il 1950, e poi, alla fine del lungo regno di Arturo Michelini (il fascista moderato, legatissimo ai poteri forti romani) dal 1969 al 1987. Soprattutto, ne sará  il padre-padrone, il primo vero esempio di "cesarismo" in un partito politico italiano. Almirante decideva tutto, oltre naturalmente alla linea politica, sceglieva gli uomini e le funzioni, si costruiva comitati centrali "blindati" - e designava i successori, come capitó al trentacinquenne Gianfranco Fini, detto il "delfino", l'uomo che ad Almirante deve tutto e di cui Almirante si fidava di piú.

Almirante, soprattutto, parlava. Parlava bene, era universalmente considerato un oratore affascinante - in Parlamento arrivó a pronunciare discorsi-fiume, di otto o dieci ore. Cavalcava tutte le cause "nazionali", dall'italianitá  di Trieste alla difesa della comunitá  italiana del Trentino. Si batteva contro tutte le buone cause, dalla legge Scelba sull'antifascismo all'introduzione del divorzio, e ne cavalcava molte tra le piú cattive, come la reintroduzione della pena di morte - proposta negli anni '70, nel corso dell'emergenza terrorista. Ma soprattutto perseguiva un'ambizione: far uscire l'Msi dalla minoritá  e dalla marginalitá  che egli stesso aveva per altro potentemente alimentato, e costruire una "grande destra" anticomunista, antidemocratica, neo-autoritaria, in fusione perfetta tra sovversivismo e law and order . Scrive Marco Revelli: «Alla morte di Michelini, ...la nuova linea imposta da Almirante salda organicamente politica d'ordine e radicalitá , offrendo come baluardo all'opinione pubblica di destra intimorita dalla rivolta studentesca e operaia l'iniziativa muscolare dei propri giovani e la capacitá  del Movimento sociale di porsi all'incrocio delle piú diverse iniziative anticomuniste, ortodosse o meno che siano». Nascono da qui i tentativi, rapidamente abortiti, dell'alleanza con i monarchici e dell'esperienza della "Destra nazionale", che per un breve momento offrirá  al Msi i suoi maggiori successi elettorali. E', appunto, la linea del "doppio petto" coniugato ai manganelli: da un lato, lo scatenamento delle piazze, lo squadrismo, la riammissione di "Ordine nuovo", il filo sotterraneo con il macrocosmo dell'estremismo fascista, i legami con l'Internazionale nera di tutta Europa; dall'altro lato, l'idea del "Fronte anticomunista" capace di mettere insieme le piú disparate "maggioranze silenziose", quelle che vogliono ordine e tranquillitá , autoritá  dello Stato, rispetto delle tradizioni e della religione patria. Da questo punto di vista, pur non riuscendo mai ad allargare davvero la sua area di influenza, e pur non approssimandosi mai a una costruzione politica che non fosse quella missina, Almirante è stato un precursore. Molte delle sue intuizioni le potete vedere, realizzate, nella Destra attuale, quella che ha espugnato Roma e il governo nazionale. Quella che ha potuto dirsi "postfascista", "afascista", non piú fascista.

Almirante, invece, fu un un fascista non pentito, fino alla fine dei suoi giorni - al massimo si spinse al motto di De Marsanich "non rinnegare, non restaurare". Inauguró il XIIesimo mission con una frase destinata, tra le tante, a rimanere celebre: "Il fascismo è qui....". Fu un fascista politico, che restó per tutta la vita ammiratore di Mussolini. Lo fu dal punto di vista, se cosí si puó dire, "ideale", oltre che ideologico - il suo Msi dell'inizio portava tracce piú che esplicite degli ordinamenti sociali di Saló e del fascismo repubblichino. Lo fu come critico "implacabile" della democrazia rappresentativa: tra i suoi libelli piú noti, si contano un "Processo al Parlamento" e un "Processo alla Repubblica". Lo fu, anche, come cultore e fan di figure politicamente inequivocabili, come il collaborazionista francese Robert Brazillach (fucilato da De Gaulle) o come il dittatore spagnolo Primo de Rivera. O come il suo "maestro" politico Mezzasoma, ministro della cultura popolare della Rsi. E lo fu, infine, nel legame particolare, da sempre coltivato dalla destra, con le strutture recondite del potere militare. Forse, si spinse anche molto oltre, quando "coprí" una delle stragi piú oscure del dopoguerra, quella di Peteano - dalla quale uscí amnistiato per raggiunti limiti di etá .

Si deve sempre avere rispetto per gli avversari. Ma, posto che a Rieti, Giarre, Locorotondo, San Severo, Foggia, Montecorvino Rovella, Ragusa, Lecce, Praia a Mare ed a Santa Caterina Villarmosa a Giorgio Almirante è giá  stata inopinatamnete intitolata una via, c'è una qualche buona ragione per intitolargliene una anche a Roma?

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori