News per Miccia corta

01 - 05 - 2008

Primo maggio. Subsonica & C., rock contro le morti bianche

 

(la Repubblica,1 maggio 2008)

 



 

I Sud Sound System: "La colpa di quanto accade è della legge sul precariato"

Bonanni, Cisl: "La stessa situazione da 20 anni. Colpa delle aziende poco serie sul mercato"

 

CARLO MORETTI

 


ROMA

Sará  una grande festa: sul palco saliranno, tra gli altri, i Subsonica, i Sud Sound System, gli Afterhours, Manu Dibango, Elio e le Storie Tese e Caparezza. Il primo maggio porta come sempre la musica in piazza San Giovanni, ma la scelta di dedicare il concertone organizzato dai tre sindacati confederali alla sicurezza sui posti di lavoro sposta inevitabilmente l'attenzione dallo spettacolo alla cronaca. Troppe morti bianche nel nostro paese, non passa giorno che la cronaca non ci costringa ad aggiornare la triste lista. Una piazza gremita da 300 mila persone rivolgerá  cosí il pensiero a quanti, a causa del lavoro, hanno perso la vita. Morire di lavoro: un'inversione di senso non piú tollerabile.

Sei mesi fa il caso piú grave di quest'anno, il rogo alla ThyssenKrupp dove morirono sette operai. Oggi, in occasione della giornata dei lavoratori, RaiSat Extra propone "Invisibili", la messa in scena di un testo su quella tragedia scritto dal direttore di Repubblica Ezio Mauro, letto di recente al teatro Ambra Jovinelli di Roma dagli attori Paola Cortellesi, Claudio Gioè e Valerio Mastandrea. E sempre oggi, con Repubblica e l'Espresso, verrá  distribuito il dvd "La classe operaia va all'inferno", un documentario curato da Simona Ercolani su quanto accadde alla ThyssenKrupp nella ricostruzione dei sopravvissuti, nel racconto dei parenti delle vittime, con momenti strazianti e anche sorprendenti, come quando si vedono i vertici del gruppo tedesco vantarsi dei risultati aziendali a due giorni dall'incidente di Torino, aggravato dalla mancanza dei piú elementari sistemi di sicurezza.

I pugliesi Sud Sound System saranno tra i gruppi che si esibiranno in piazza San Giovanni. Nel loro nuovo disco, Dammene ancora, c'è una forte denuncia sui temi del lavoro e sull'inquinamento ambientale. Nando Popu, il cantante, abita a metá  strada tra la centrale Enel di Cerano e l'Ilva di Taranto: «Capisco da che parte tira il vento a seconda del tipo di puzza che sento entrare dalle mie finestre» dice «Nessuno da noi muore piú di morte naturale, i casi di leucemia sono aumentati in modo esponenziale. E per quanto riguarda gli infortuni sul lavoro, sono aumentati da quando esiste questa legge sul lavoro precario e interinale: giovani senza la necessaria formazione si trovano a lavorare su macchine pericolose, e spesso ci lasciano le mani, perdono un occhio. Basta sentire ogni giorno le notizie del tg regionale. Finché resterá  questa legge non ci sará  futuro per gli operai e per l'Italia».

Ogni anno in Italia mille e trecento lavoratori perdono la vita. Piú di un milione si infortunano. «Ho controllato le statistiche: la situazione è la stessa da venti anni a questa parte» osserva il segretario della Cisl Bonanni. «L'Italia ha meno lavoratori di Germania e Francia ma ha il triste primato dei morti e dei feriti sul posto di lavoro» dice il segretario della Uil Luigi Angeletti. «Lanceremo una sottoscrizione per la sicurezza» conclude Fulvio Fammoni della Cgil.

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori