News per Miccia corta

05 - 04 - 2008

D'Antona, 21 anni alla Saraceni in primo grado era stata assolta

(la Repubblica, 5 aprile 2008)


ELSA VINCI


 

ROMA - La sentenza arriva come un pugno nello stomaco. Federica Saraceni si piega su se stessa, incredula si accascia su un banco della seconda corte d'Assise di Roma. Ventuno anni e sei mesi per l'omicidio di Massimo D'Antona, il giuslavorista ucciso in via Salaria a Roma il 20 maggio 1999. E quando sente che ha perso la figlia, ancora piccolissima, l'ex br scoppia a piangere e fugge via. La Corte l'ha infatti privata della potestá  genitoriale. Una provvisionale di 300 mila euro dovrá  essere versata a Olga Serio D'Antona e alla figlia Valentina.

Il processo d'appello ribalta il verdetto di primo grado che aveva assolto Saraceni dal delitto, condannandola a quattro anni e otto mesi, gi√°¬† scontati, soltanto per banda armata. ¬ęSono sempre stata e sono contraria a ogni forma di violenza alle persone, e tanto pi√ļ all'omicidio, come strumento di lotta politica¬Ľ, ha detto l'imputata. A nulla √® servita la lettera di dissociazione, fatta leggere in aula dall'amica brigatista Laura Proietti. Poche righe con cui Federica Saraceni ha voluto ribadire la propria estraneit√°¬† al delitto.

La corte, che fra tre mesi depositer√°¬† le motivazioni della sentenza, ha recepito le conclusioni del sostituto procuratore generale Antonio Marini secondo il quale la Saraceni, assieme a Paolo Broccatelli (per lui, invece, un'assoluzione bis), ha avuto ¬ęcompiti ben precisi¬Ľ nell'azione culminata con l'agguato all'allora consulente del ministro del Lavoro Antonio Bassolino. La Saraceni, ¬ępienamente integrata nelle Br¬Ľ, avrebbe dovuto ¬ęrimediare per l'organizzazione una base logistica: l'appartamento preso in affitto nel marzo "ňú99 a Cerveteri¬Ľ. Tra gli elementi d'accusa il cellulare con il 233 finale usato da lei nella primavera del '99 e un anno prima da Nadia Desdemona Lioce.

Respinta dalla corte la richiesta del secondo ergastolo a Marco Mezzasalma. Conferma a 5 anni e mezzo per Bruno Di Giovannangelo. Respinta anche la richiesta di aumento della pena di nove mesi per Simone Boccaccini condannato in primo grado a cinque anni e otto mesi.

Per l'omicidio del professor D'Antona sono stati giá  giudicati definitivamente i brigatisti Nadia Desdemona Lioce, Marco Mezzasalma, Roberto Morandi, che stanno scontando l'ergastolo, Laura Proietti (20 anni), e la "pentita" delle Br Cinzia Banelli, che sta scontando 12 anni ed è in attesa dei domiciliari per poter fruire del programma di protezione.

¬ęMi pare che ci fossero tutti i presupposti per questa condanna visto che nella prima sentenza c'era stata una indulgenza immotivata - dice Olga D'Antona - Non c'√® alcuna animosit√°¬† personale ma un cittadino si aspetta giustizia. Per voltare pagina sul terrorismo in Italia bisogna eliminare il segreto di Stato. Solo con la verit√°¬† si potr√°¬† costruire una memoria condivisa¬Ľ.

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori