News per Miccia corta

02 - 04 - 2008

G8, il pm di Genova accusa ``Piano per salvare De Gennaro``

 

(la Repubblica, 2 aprile 2008)


"Un circuito unisce gli autori delle condotte criminose e i vertici dell'amministrazione"


di MASSIMO CALANDRI


<B>G8, il pm di Genova accusa<br>"Piano per salvare De Gennaro"</B>

Gianni De Gennaro

 


 

GENOVA - "L'operazione è stata semplice. Si è trattato di eliminare gli accenti sui ruoli di responsabilitá  degli imputati. E nel contempo di enfatizzare i ruoli dell'unico funzionario la cui posizione è stata archiviata, del defunto prefetto La Barbera e dell'unico teste schierato contro la gestione della operazione Diaz, il prefetto Andreassi".

Nella richiesta di rinvio a giudizio per Gianni De Gennaro, accusato di aver istigato la falsa testimonianza di Francesco Colucci, la procura definisce la "strategia" dei super-poliziotti sotto accusa per il blitz nella scuola del G8: minimizzare il ruolo dell'ex capo della polizia, oggi commissario per l'emergenza-rifiuti in Campania; e prendersela con chi in qualche modo non puó difendersi. Arnaldo La Barbera, nel frattempo deceduto. Lorenzo Murgolo, uscito dal processo. Ansoino Andreassi, che era contrario all'intervento.

Nel documento trasmesso al gip Silvia Carpanini, i pm sottolineano la "marcia indietro" fatta da De Gennaro sull'irruzione (93 no-global massacrati ed arrestati illegalmente): in commissione parlamentare dichiaró di non sapere nulla dell'operazione, davanti agli inquirenti corresse leggermente il tiro. E pretese, sempre secondo l'accusa, una testimonianza che gli facesse da sponda.

I magistrati pongono l'accento sul comportamento dell'ex questore genovese, recentemente nominato prefetto. Colucci prima di testimoniare ascoltó i suggerimenti di un imputato, l'attuale questore vicario di Torino, Spartaco Mortola. Ma soprattutto incontró De Gennaro, e lesse i verbali del capo. La procura cita alcune telefonate di Colucci dopo la discussa testimonianza - "Ho dato due legnate al pm (...) il capo mi ha chiamato per ringraziarmi, mi ha detto che li ho sbaragliati" - e denuncia il "circuito di solidarietá " tra i protagonisti di questa vicenda: "Un circuito che unisce gli autori delle condotte criminose, i vertici dell'amministrazione, gli attuali imputati nella loro difesa e i testimoni del processo".


I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori