News per Miccia corta

21 - 03 - 2008

Il ``No alla guerra`` compie 50 anni, cosí nacque il simbolo dei pacifisti

 

(la Repubblica, VENERDáŒ, 21 MARZO 2008, Pagina 1 - Prima Pagina)

 

L'omino disperato che abbassa le braccia, ma che non si arrende di fronte all'idiozia della guerra, il simbolo inerme che terrorizza gli armati, falchi, guerrieri, prepotenti, commissari e generali compie cinquant'anni e se disperato sempre rimane, ancora non si è stancato di non combattere.


 

VITTORIO ZUCCONI

 


 

Era nato, molto opportunamente, un venerdí santo come questo, nel giorno che commemora il massimo sacrificio di un portatore inascoltato di pace, ma non era nato negli Stati Uniti che lo avrebbero poi imposto al mondo scarabocchiato, cucito o appuntato alle divise della protesta per l'ennesima inutile strage, quella volta in Indocina. Era nato a Londra, a Trafalgar Square, nella marcia delle cinquanta miglia organizzata nel 1958 dai pacifisti inglesi per protestare invano contro il riarmo nucleare britannico.

Come figlio di una potenza dei mari, fu quasi naturale che quel simbolo avesse ricavato la ispirazione grafica proprio dalle segnalazioni marine che le navi si scambiavano sventolando bandierine, prima che fossero introdotti i semafori per i messaggi in morse luminoso, le radio e i collegamenti satellitari. La «V» rovesciata che sta alla base dell'emblema è in realtá  la lettera «N», nella segnaletica marina, la iniziale di «Nuclear» e la linea eretta verticale sta per la «D», di disarmo. Dunque la figura completa vuol dire semplicemente «Nuclear Disarmament».

Fu creato da un grafico, racconta la Bbc che ha ricostruito la storia di questo «marchio» divenuto talmente universale da apparire orfano, come se fosse stata la creatura spontanea di un tempo e di una ribellione. Si chiamava Gerard Holton, ed era stato obbiettore di coscienza durante la Seconda Guerra Mondiale, finita appena 13 anni prima. Convinse lui gli organizzatori della marcia delle 50 miglia che la loro manifestazione esigeva un logo, un marchio, qualcosa che si appiccicasse agli occhi e alla memoria. Pensó a una variazione sul tema della croce cristiana, ma gli parve giá  molto sfruttata e non necessariamente associata alla pace, nei secoli bui. E alla fine ripiegó sulla combinazione dei due segnali navali, per dire «No alla Bomba» e sí al disarmo nucleare.

Neppure lui avrebbe potuto sperare che quel simbolo, subito accusato da alcune femministe di essere pericolosamente fallico, si sarebbe attaccato alla fantasia del mondo diventando immediatamente leggibile e riconoscibile dal Tibet all'Arabia Saudita, dove ancora compariva sugli elmetti dei soldati americani pronti a invadere Iraq e Kuwait nel 1991. L'omino disperato invase l'America, dalle strade della San Francisco hippy della «estate dell'amore» ai motoscafi dei soldati lungo il Mekong in Vietam. Occupó le marcie di Woodstock, si fuse con il Sessantotto, divenendone uno dei luoghi principali. Terrorizzó il governo del Sudafrica negli anni dell'Apartheid razziale, che tentó di dichiararlo ufficialmente fuorilegge con prevedibile insuccesso, perché nella sua assoluta semplicitá  grafica basta un pennarello, una bombola, una matita grossa per essere riprodotto all'infinito. Fu accusato, dai soliti fanatici del cristianismo bellicista americano di essere un simbolo satanico, un richiamo all'Anticristo, con quel sospetto di croce a testa in giú, venerato dai seguaci di Belzebú,.

Lo ripresero gli attivisti neri dei diritti civili, per indicare subito, con Martin Luther King, la loro filosofia di rivolta non violenta e di rifiuto di armi e sangue, rifiuto che non fu accolto da chi sparó loro addosso. Costrinse generali e ufficiali superiori a inseguire i soldati che lo esibivano, vedendovi un segno di scarsa bellicositá , di dissenso, di ammutinamento pacifico: in Vietnam era passibile di punizioni fino alla corte marziale, quando ancora era esibito da pochi renitenti, prima che divenisse troppo diffuso per essere represso senza mandare davanti alla corte intere divisioni di Marines e fanti. Si arrese infine, dopo la guerra, il governo americano stesso che lo immortaló in un'emissione di francobolli negli anni "˜60, secondo il saggio principio del «se non puoi sconfiggerli, unisciti a loro». Finí su un pacchetto di sigarette molto fumate dai soldati americani, le Lucky Strike e nessuno osa calcolare quante volte e dove sia stato riprodotto in questi 50 anni, tra T-shirt e bandiere. E' stato un po' insidiato dai colori dell'iride, quell'Arcobaleno pacifista che, soprattutto dopo l'invasione dell'Iraq, ha cominciato a sventolare anche nelle strade di Londra dove l'omino depresso era nato, ma l'Arcobaleno si presta a equivoci, rappresenta coalizioni variopinte, inter razziali negli Stati Uniti, dove fu creato per la «Rainbow Coalition» del reverendo Jackson, e interpartitiche nei listoni elettorali italiani.

Su quella figura che segnala disarmo, invece, non ci possono essere dubbi. Si puó dissentire, addirittura fare causa a chi la espone in giardino, come è accaduto a una coppia di Denver, giudicarla ormai leziosa, demodé, inutile, ora che l'incubo del reciproco annientamento nucleare, cosí intenso nel 1958, ha lasciato - temporaneamente - la poltrona ad altri incubi elettoralmente piú profittevoli. Ma come l'indice e il medio aperti a «v» di Churchill, anche questa curiosa ipsilon rovesciata che né il creatore inglese, né il suo corrispondente americano Ken Kolsburn vollero mai depositare e brevettare, rinunciando cosí a miliardi di royalties, vivrá  ogni volta che l'umanitá  con un pretesto politico, religioso, economico, razziale, troverá  un altro modo per massacrarsi. Cioè per sempre, il che spiega l'aria un po' moscia e depressa del l'omino cinquantenne, ma ancora in piedi.

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori