News per Miccia corta

21 - 02 - 2008

Quel che rimane del caso Antonini. Un intervento di Valerio Guizzardi

LA "FESTA" ሠFINITA.
QUEL CHE RIMANE DEL CASO ANTONINI


di Valerio Guizzardi

Associazione Papillon - Bologna

 

Ora che la tempesta mediatica pare essersi fermata; ora che "Il caso Antonini" -com'era ovvio che fosse- si è rivelato una tempesta in un bicchier d'acqua, sarebbe il caso di trarne debite conseguenze. Francamente, per quanto mi riguarda, non posso esimermi dal fare alcune considerazioni:

trovo sconcertante che chi occupa alte cariche istituzionali e di rappresentanza popolare si abbandoni a dichiarazioni che non trovano riferimenti di legge nei maggiori istituti giuridici del nostro Paese. Sia nella Costituzione, che nel Codice Penale, nel Codice di Procedura Penale e nemmeno nell'Ordinamento Penitenziario, in nessun articolo, in nessun comma possiamo trovare scritto che si possa vietare la libertá  di espressione a chicchessia. Delle due è vero l'esatto contrario.

Proprio in virtú di quanto sopra, chiunque puó legittimamente porre una questione di opportunitá  a che il tale o il talaltro parli o meno in un determinato contesto, ma si tratta di pur sempre di un'opinione di ordine morale o etico che attiene alla sfera della libera espressione del singolo. Sará  pertanto a cura del tale o del talaltro tenere conto o meno di quell'opinione e comportarsi, altrettanto liberamente, secondo la sua volontá . In altre parole le due libertá  si equivalgono.

Viviamo forse in un Stato etico o confessionale? No, la Repubblica Italiana afferma la sua laicitá , perché cosí hanno deciso i Padri fondatori. E, personalmente, non trovo vi sia nessun motivo per contraddirli.

Per qualcuno pare non essere cosí, e non sono comuni cittadini, sono il Sindaco e un Assessore del Comune di Bologna la cui opinione, dico opinione, è stata amplificata, sola, e con riverente soddisfazione dai maggiori quotidiani locali i quali, come invece vorrebbe la deontologia professionale, si sono ben guardati dal pubblicare, al pari e con uguale enfasi, la risposta della parte investita dai due istituzionali. Si sono sottratti a questo deprecabile comportamento solo l'Assessore Guglielmi, che da autentico laico e uomo di cultura ha fatto dichiarazioni correttissime, secondo la legge, e Il Bologna che ha pubblicato una breve intervista ad Antonini.

Ora il punto, quello vero: abbiamo assistito a una sorta di "sovversione dall'alto" dove due cariche istituzionali hanno usato il loro potere per imporre all'opinione pubblica opinioni personali, e ridico opinioni -oltre a profferire velate minacce al direttore del Ridotto di tagliargli i contributi comunali- scavalcando di colpo ogni ordinamento costituzionale e giuridico dichiarando – abbiamo una nutrita rassegna stampa al riguardo - che una persona, in virtú del proprio passato non puó parlare a un evento teatrale, quindi pubblico. Siamo perció al cospetto di due persone non comuni che, ignorando il proprio ruolo, ledono il diritto di espressione di chi, seppure sotto esecuzione penale, quel diritto invece possiede secondo le leggi vigenti.

Del resto essi non sono i soli a seguire questi comportamenti illegittimi. Ultimamente siamo di fronte a una ondata vendicativa bipartisan – penultimo il caso di Susanna Ronconi alla quale si voleva addirittura togliere il lavoro - una vera e propria mania ossessiva derivante dalla percezione che hanno della Giustizia: odio, vendetta, afflizione, ritorsione rappresaglia, scomparsa sociale.

Ed è tristemente curioso osservare che mentre quella parte di generazione politica che ha praticato la lotta armata negli anni '70, dopo aver scontato la condanna – si calcola complessivamente 50.000 anni di carcere- ha cercato faticosamente di reinserirsi socialmente facendo ritorno alla legalitá , quei signori si sentono ancora in guerra a quasi trent'anni di distanza dalla sua fine. Come quei soldati giapponesi sulle isole del Pacifico in attesa di nuove disposizioni del loro imperatore, nel frattempo defunto di vecchiaia. E visto che appunto da quasi trent'anni di nemici da combattere non ce ne sono piú, si vendicano sui giá  vinti e stravinti. Trovo ignobile tutto ció e ancora di piú il fatto che su questo torbido e malato rancore vi abbiano cinicamente costruito una carriera politica. Intesa, naturalmente, come conservazione del potere e, non ultimo, il lauto reddito che ne consegue; né piú né meno.

 Ma c'è di piú, molto di piú: il loro odioso e disinvolto cinismo li spinge a strumentalizzare politicamente ai propri fini inconfessabili il dolore delle famiglie delle vittime della lotta armata di quegli anni. Persone, queste ultime, colpite in modo irrimediabile negli affetti che stanno cercando, nel tempo, di ricostruirsi un'esistenza, di uscire da un incubo. In uno Stato di Diritto queste famiglie meriterebbero il massimo rispetto di tutti, meriterebbero piú voce e attenzione, e soprattutto quelle in difficoltá  economiche meriterebbero aiuti realmente dignitosi, non le briciole, quelle sí indignitose, loro concesse. Si dice che ad esse è impedito di parlare facendo finta di dimenticare, in perfetta malafede, che quello mediatico ufficiale è un mercato nel quale gli addetti all'informazione decidono in autonomia quale è la notizia -ridotta a merce come le zucchine- che vende e quella che non vende. In altre parole si scrive poco di loro perché un argomento che trasmette ai lettori dolore ansia e finanche fastidio non ha mercato perché non fa aumentare le vendite dei giornali né l'audience in televisione. Stessa sorte, anzi di piú, hanno avuto i parenti delle vittime del terrorismo, cioè quelle centinaia di morti ammazzati dal tritolo nelle banche, nelle piazze, sui treni e nelle stazioni. Stragi, guarda caso, rimaste pressoché impunite fatte compiere, riguarda caso, da mandanti rimasti sconosciuti. Per dire, qualcuno si è mai preoccupato concretamente, al di lá  delle chiacchiere commemorative, della vedova di Giuseppe Pinelli o delle famiglie di chi è stato fatto a pezzi a piazza Fontana, a Brescia, sull'Italicus o alla stazione di Bologna? Non mi pare proprio. Queste ultime voci non solo non hanno mercato, ma pongono una domanda imbarazzante alla classe politica di ieri e di oggi: «Chi ha ucciso i nostri cari, chi ha armato gli assassini, chi c'era dietro di loro?». Sulle sentenze non troviamo scritto nulla di tutto ció.

Giá , "è il mercato bellezza". Naturalmente, in questo specifico caso, non solo. Ma -come direbbe il Lucarelli televisivo a mani giunte- questa è un'altra storia.

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori