News per Miccia corta

24 - 01 - 2008

Il caso Ronconi. Cronaca di un'ordinaria persecuzione. Un appello

Appello


 

 


Il "Corriere della Sera" del 22 gennaio ha pubblicato − con molta evidenza, parecchie imprecisioni e altrettante omissioni − un articolo dal titolo «Fondi al progetto dell'ex Br. Bufera sulla Provincia di Lodi».

In veritá , la bufera ancora non c'era, ma è stata provocata dall'articolo nel quale, attraverso l'intervista a un rappresentante dell'Associazione vittime del terrorismo, si esprimeva disappunto e indignazione: «Questa notizia è una nuova offesa e una ulteriore sofferenza per tutti noi. La Ronconi è stata fatta uscire dalla porta per farla rientrare dalla finestra».

Il riferimento è alle dimissioni che lo scorso anno Susanna Ronconi è stata costretta a dare, dopo una virulenta campagna politico-mediatica, dalla Consulta nazionale sulle tossicodipendenze.

Ma qual era questa notizia? Ha scritto il quotidiano: «Con i soldi, 60 mila euro, della Regione Lombardia (centrodestra), la Provincia di Lodi (centrosinistra) affiderá  all'ex terrorista Susanna Ronconi (Brigate rosse e Prima Linea) il progetto "Lavoro debole" per l'inserimento nel mondo del lavoro di detenuti ed ex detenuti presenti sul territorio lodigiano».

In realtá , il progetto non è stato affidato a Ronconi, ma vede come titolari una rete di associazioni e cooperative sociali. Ronconi − che, giova ricordare, ha scontato per intero la propria condanna ed è stata tra le prime a dissociarsi dal terrorismo e ad ammettere i propri errori − collabora nella veste di esperta e consulente con una di queste. Dalla prima tranche del progetto, per il suo lavoro, durato un anno e mezzo, ha ricevuto dalla cooperativa sociale 7.500 euro lordi.

Questa la realtá  delle cose, sottaciuta dal quotidiano nel suo articolo. Subito dopo il quale è cominciato un triste scaricabarile tra assessori, sino a una dichiarazione della Provincia di Lodi di non assumere altre iniziative che vedano coinvolti ex terroristi.

Se questa decisione si confermasse, si introdurrebbe cosí un gravissimo e incredibile precedente, in base al quale l'ente pubblico si potrá  arrogare il diritto di sindacare sui dipendenti o collaboratori di qualsiasi azienda o, appunto, associazione e cooperativa intrattenga rapporti economici con esso. Fatto che dubitiamo possa considerarsi legale e che, a questo punto, potrebbe estendersi nei confronti di chiunque delle centinaia di ex terroristi che, scontata la condanna, lavorano in vari ambiti, compreso il Terzo settore che, ovviamente, intrattiene rapporti anche economici con enti pubblici, fornendo servizi e occupandosi di welfare. Alla faccia delle leggi e della Costituzione.

Dunque, grazie alla «bufera» sollevata ad arte, Ronconi ha perso, o comunque rischia concretamente di perdere, la possibilitá  di lavorare alla seconda tranche del progetto lodigiano, ma è facile prevedere che tale accanimento nei suoi confronti produrrá  effetti ancora piú drastici, allargati e duraturi. Infatti, chi si azzarderá  in futuro a proporle un qualsiasi lavoro con la certezza del pubblico linciaggio?

Sull'insanabile dolore e sulle ragioni dei parenti delle vittime non si discute, ma qui pare essere in atto una vera e propria persecuzione. Proprio su questa vicenda, un autorevole giornalista che in questi anni ha scritto diversi libri con i familiari delle vittime, per dare loro visibilitá , voce e sostegno, nel suo blog ha censurato gli attacchi a Susanna Ronconi, parlando esplicitamente di «caccia all'uomo». In questo caso, peraltro, si tratta di «caccia alla donna», elemento che forse c'entra qualcosa con il particolare e ricorrente accanimento proprio nei suoi confronti.

Negli anni scorsi, numerosi opinionisti ed esponenti di partiti avevano sostenuto che gli ex terroristi andavano dissuasi dal parlare, scrivere, presenziare, occuparsi di politica, essere impiegati in enti pubblici o istituzioni. Ora, con la vicenda di Lodi, pare essere stata introdotta una proibizione extra legem ancora piú drastica: gli ex terroristi non devono, tout court, piú poter lavorare.

Noi pensiamo che ció non sia né giusto né accettabile in uno stato democratico e di diritto.

A distanza di oltre 30 anni non si riesce ancora a voltare la dolorosa pagina dei conflitti armati degli anni Settanta e ogni tentativo di storicizzazione e riconciliazione è rimasto arenato e bloccato dai contrasti, dalle miopie e anche dalle strumentalizzazioni politiche.

Per ricomporre quelle fratture e, per quanto possibile, sanare quelle sofferenze è probabilmente troppo presto. Oppure troppo tardi. Ma non possiamo rassegnarci alla vendetta senza fine e all'imbarbarimento di regole e sentimenti pubblici.

Chiediamo a tutti di aderire a questo testo, in solidarietá  con Susanna Ronconi e con quanti altri venissero a trovarsi in analoga situazione.

 

 

 

Primi firmatari:

 

 

don Luigi Ciotti (Presidente Gruppo Abele e Libera), Paolo Beni (Presidente ARCI), Lucio Babolin (Presidente CNCA-Coordinamento nazionale comunitá  di accoglienza), Patrizio Gonnella (Presidente Antigone), padre Camillo De Piaz, Franco Corleone (segretario Forum Droghe), Grazia Zuffa (direttrice "Fuoriluogo"), Alessandro Margara (presidente Fondazione Michelucci, giá  magistrato di sorveglianza e Capo dell'Amministrazione penitenziaria),Emilio Santoro, universitá  di Firenze e direttore Centro di documentazione L'altro diritto.

 

 

 

 

le adesioni possono essere comunicate a: gruppoabele.milano@fastwebnet.it o a appelli@fuoriluogo.it, specificando le eventuali qualifiche o appartenenze

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori