News per Miccia corta

09 - 01 - 2008

ሠmorto Philip Agee. Denunció le illegalitá  della CIA

(Unita.it, 9 gennaio 2008)

 

 


 

Philip B. Agee, ex agente della Cia, che negli anni "˜70 smascheró in un libro l'identitá  di oltre 700 uomini dell'organizzazione sparsi per il mondo, è morto a L'Avana. Lo scrive il quotidiano Granma.

 

Ricordando che Agee abbandonó l'agenzia Usa nel 1968 «per motivi di coscienza» e che nel 1974 pubblicó il libro-denuncia "Dentro la Company: un diario della Cia", Granma scrive: «áˆ stato un leale amico di Cuba e un fervente difensore della lotta dei popoli per un mondo migliore».

 

Per le sue ripetute denunce miranti a smascherare l'attivitá  di destabilizzazione della Cia nel mondo e in particolare in America latina, Agee perse il passaporto statunitense e fu anche allontanato dalla Gran Bretagna, dove visse per cinque anni.

 

Nel 1995 le cronache lo videro impegnato in una battaglia legale con Barbara Bush, moglie di George Bush padre, che lo accusó nella sua autobiografia dal titolo "Una Memoria" di aver svelato l'identitá  del responsabile della Cia ad Atene, Richard Welch, che fu ucciso nel 1975 da un gruppo estremista greco.

 

Un fatto che peró l'interessato negó categoricamente, denunciando la Bush per diffamazione e chiedendo quattro milioni di dollari. Nel 2000 Agee aveva aperto a Cuba un'agenzia di viaggio via Internet, "Cubalinda.com - Inter-Active Travel", considerata la prima attivitá  commerciale statunitense indipendente nell'isola.

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori