News per Miccia corta

29 - 05 - 2007

Sofri, seconda puntata.

Licio Gelli, capo della P2

Qui sotto  l'articolo di Adriano Sofri sul Foglio di oggi.

Nel 1975 Federico Umberto D'Amato, a capo dell'Ufficio Affari riservati del ministero dell'Interno, gli propose di uccidere i militanti di Lotta continua che erano usciti per costituire i NAP, Nuclei armati proletari.

Sofri interruppe sdegnato la conversazione.

Rimane da chiedersi il perché un fatto di questa gravitá , questo proposito di omicidi di Stato,  non venne denunciato pubblicamente. Anche tenendo conto del fatto che gran parte dei militanti dei NAP finirono in effetti uccisi dalla polizia.

Per chi non lo ricordasse, D'Amato (deceduto dieci anni fa) risultó iscritto alla loggia P2 di Licio Gelli.

 

 

 ********************

(Il Foglio, 29 maggio 2007)

Sofri spiega  quella mazzetta di omicidi che gli fu chiesta

Perché ha "alluso", perché "solo ora". Spiegazioni lineari, anche a chi sa bene cos'erano gli Affari Riservati

 

di Adriano Sofri

 

 

Un po' piú di cinque anni dopo il 12 dicembre 1969 di piazza Fontana, rinominato (e anestetizzato) ormai ufficialmente Strage di stato, Federico Umberto D'Amato, giá  responsabile dell'ufficio Affari riservati, il piú noto e influente titolare dei servizi italiani nel dopoguerra, mi chiese un incontro, tramite un conoscente comune, accampando una ragione privata. Non avendo io, né allora né mai, motivo per rifiutare di vedere qualcuno, consentii: trattandosi di un colloquio privato, e chiesto da lui, si sarebbe svolto a casa mia. Una sera D'Amato venne a casa mia.


Era un vecchio appartamento in un vicolo del rione Monti, che definire modesto è giá  troppo benigno, in cui abitai dal 1973 al 1976 con Randi, cani, e un perenne viavai di persone, come usava. D'Amato salutó galantemente Randi, che si sbrigó a lasciarci soli, e lo stesso fece il suo accompagnatore. La conversazione si trastulló per un po', con un certo impegno da parte sua, uomo che sapeva (fin troppo) stare al mondo, e che sapeva ancor meglio che cosa Lotta continua pensasse e scrivesse di lui.

Meno impegnato, io consideravo quel balzacchiano gastronomo dall'eloquio forbito, dalla faccia irreparabile e dal profumo di barbiere. Mi sembró che per un po', come succede in certe circostanze, volesse mostrarsi persona di cultura. Avendolo io interrotto su un anello che spiccava su una mano assai curata, cosí madornale da sembrare d'ordinanza, me ne spiegó il legame – se la memoria non m'inganna – con la morte di sua moglie, e il fresco dolore che ne provava.

Quando lo invitai a venire al suo proposito, mi disse, con la stessa amabile naturalezza, che si trattava dei Nap, i Nuclei armati proletari. Che tutti sapevano come alcuni fra i loro membri avessero rotto con Lc accusandola di non voler passare alla lotta armata. Che erano pochi, che avrebbero continuato a seguire la loro natura di criminali comuni, contro lo stato, ma anche nuocendo gravemente a noi e al movimento in cui ci riconoscevamo. Che la normale repressione ne sarebbe venuta a capo, ma chissá  in quanto tempo e dopo quanti guasti.

Che era dunque interesse comune toglierli fisicamente di mezzo ("Fisicamente?" "Fisicamente!"), ció che avrebbe potuto avvenire con una mutua collaborazione e la sicurezza dell'impunitá . Prima che finisse gli avevo indicato la porta, e lui la prese senza battere ciglio. Dunque quel signore non mi propose di prender parte a un omicidio, ma, seppure in un linguaggio da dopobarba, e senza avere il tempo di entrare nel dettaglio, un mazzetto di omicidii.

Quel linguaggio, e la brusca fine dell'intrattenimento, mi impediscono ancora oggi di decidere a che cosa davvero mirasse, benché comunque la provocazione fosse spettacolosa. Ecco. Misi a parte dell'episodio poche persone, che fossero in grado di capire e rispondere se la cosa avesse avuto seguiti imprevedibili. Non ne parlai pubblicamente: non avevo prove del tema (io non avevo congegni spionistici, forse lui sí) e nella pubblicitá  poteva magari risiedere la provocazione. Soprattutto, a parte l'impudenza, non c'era niente che fosse capace di meravigliarci nell'operato di D'Amato e dei suoi uffici: e caso mai è grossa che qualcuno mostri di meravigliarsene oggi.

Ci fu, qualche tempo dopo, una circostanza tragicomica: un paio di persone, che erano state a me molto legate, avevano aderito ai Nap e mi rinfacciavano di non approvare e anzi di non capeggiare la loro guerra – si leggevano i "Cent'anni di solitudine" in carcere, e io ero stato l'Aureliano Buendia dei loro sogni – mi tesero una specie di agguato alle porte di casa, che si tramutó in un parapiglia e poi si accontentó di uno scambio di insulti e di accenni di rimpianto.

Ripetei loro ancora una volta, e a ragion piú veduta, quello che mi ero sforzato di dire dall'inizio della loro impazienza: che andavano allo sbaraglio, che lo stato giocava con loro come il gatto col topo, che avrebbero fatto male alla loro causa e perduto se stessi. Le stesse cose che si leggono sulle pagine del nostro giornale di allora. Fu quello che si consumó nella breve stagione dei Nap, autori di azioni sanguinose, e manovrati e trucidati senza scampo.

Fra loro persone specialmente generose, trascinate oltre e contro le proprie convinzioni da una solidarietá  invincibile di compagni di galera e di lotta. Cosí, giá  nel 1974, il giovane Sergio Romeo e Luca Mantini in una rapina fiorentina seguita, se non promossa, dalle forze dell'ordine, e lasciata svolgere fino all'uccisione dei suoi autori. Cosí nella tragedia della sorella di Mantini. Cosí nell'attentato romano culminato nel "fuoco amico" che uccide Martino Zicchitella nel 1976. Cosí nell'esecuzione di Antonio Lo Muscio nel 1977. Questo dunque l'episodio cui avevo fatto cenno. "Perché ora?" Perché ora ho scritto a proposito di una memoria che, avendo lodevolmente cura di rendere giustizia a persone ed eventi trascurati o offesi o calunniati, inclina a una opposta deformazione.

Ho ricordato, benché non ce ne fosse bisogno, che lo stato di quegli anni Sessanta e Settanta aveva uomini e organi capaci di ogni illegalitá  e di veri crimini. Io non sono attaccato alle formule sistematrici, e piuttosto ne diffido: non sono affar mio né il "doppio stato", né le "deviazioni", né altre semplificazioni di una gran porcheria durata troppo a lungo. La mia "rivelazione" non rivela niente di piú di quello che è evidente per mille prove: per me, fu un personale saggio di quello che sapevo.

D'Amato è morto, da dieci anni. Come succede, molti – troppi – lo protessero e ne furono protetti, a destra (soprattutto) ma anche a sinistra, e probabilmente strada facendo dimenticarono, come conviene, a chi convenisse. Ebbe anche lui parecchie vite, e molti lo frequentarono, anche persone degnissime, e trovarono delle buone e piacevoli ragioni per farlo: il mio carissimo amico Federico Bugno, per esempio, collega suo all'Espresso e compagno di gusti letterari e culinari. Resta che se con ogni uomo che muore è un'intera biblioteca che scompare, con D'Amato se n'è andato un intero archivio: e anzi, siccome non ci stava tutto, sepolto lui furono lasciati alla rinfusa nella via Appia 150 mila fascicoli non catalogati...

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori