News per Miccia corta

29 - 04 - 2007

Libri: `storia nera`, la verita` di Mambro e Fioravanti su bologna

 

 

Roma, 29 apr. (Adnkronos) - 'Ci sono svariate altre possibilita' per capire la verita' sulla strage di Bologna. Diverse possibili tracce non sono state seguite'. Cosi' il giornalista Andrea Colombo, oggi portavoce di Rifondazione al Senato, parla con l'ADNKRONOS del suo libro 'Storia Nera. Bologna, la verita' di Francesca Mambro e Valerio Fioravanti' (Cairo editore, Milano, pp. 367, euro 17), in libreria da una sola settimana e gia' in ristampa.

Cosi', spiega Colombo, 'quando al processo per Piazza Fontana il pm Salvini ha portato Digilio, la cosa normale sarebbe stata che i giudici di Bologna andassero a sentirlo. Ma non l'hanno fatto'. poi, aggiunge, 'ci sono i lavori della Commissione Mitrokhin e il ruolo giocato dal terrorista tedesco Thomas Kram', dell'organizzazione 'Cellule Rivoluzionarie' e membro attivo del gruppo 'Separat' di Carlos, 'lo Sciacallo'. 'Ma i giudici -rimarca Colombo- hanno cercato solo da una parte e, in quella, solo nei Nar'.

Mambro e Fioravanti sono ex terroristi dei Nar (Nuclei Armati Rivoluzionari). Colombo, invece, e' un ex dirigente di Potere Operaio e per anni firma del 'Manifesto'. Se le loro strade si fossero incrociate negli anni di piombo, probabilmente si sarebbero scontrati.

Tra persone di opposte barricate, la 'simpatia' e' nata proprio durante il processo per la strage di Bologna del 2 agosto 1980, costata 85 morti e oltre 200 feriti, un processo che Colombo seguiva da inviato per il suo giornale. Un anno fa, la decisione di firmare questa 'contronchiesta' su una delle piu' cruente e misteriose stragi italiane. Sono pagine che a ventisette anni di distanza da quella terribile mattanza scoppiata alle 10,25 nella sala d'aspetto di seconda classe a Bologna, raccontano di come Mambro e Fioravanti si siano decisi a raccontare la 'loro verita', ripercorrendo con dolore ma anche con una sincerita' che non diventa mai freddo distacco una vicenda processuale indiziaria e viziata da forti pregiudizi.

'Anche a sinistra -spiega ancora Colombo- l'accoglienza di questo libro e' stata buona. Ad esempio uno storico come Nicola Tranfaglia ha riconosciuto che in quella sentenza di colpevolezza per i due ex Nar ci sono molte zone d'ombra. Piu' in generale, i dubbi su Bologna sono ormai universali'. E a chi gli chiede quante possibilita' vi siano per una revisione del processo per Fioravanti e Mambro, Colombo replica: 'Mi pare molto difficile che cio' avvenga, ma e' giusto che i due ex Nar ci provino. Spero ci riescano'.

'Andrea Colombo ha fatto un libro che alla fine e' venuto molto meglio di quanto lui stesso avesse previsto, e di quanto io e Francesca pensassimo dopo aver ascoltato il suo progetto', dice Valerio Fioravanti, precisando che questo 'non e' un libro di polemica, di critica, di vittimismo, o che grida al complotto'. 'No -rimarca l'ex capo dei Nar- lui parte da un dato di fatto: il processo, per stessa ammissione dei giudici, non ha saputo individuare ne' mandante ne' movente. E siccome nulla al mondo accade senza che abbia un motivo, non solo in campo criminale, ma anche nella vita di tutti i giorni, e' partito da questo punto fermo. Ha raccolto tutto il materiale esistente e ha provato a ragionarci su'. Quindi 'ha fatto un grande lavoro di sintesi e poi ha dimostrato, da esperto dello scenario politico e giudiziario italiano, che esistono altri scenari possibili. Scenari -scandisce Fioravanti- che non solo sono 'possibili', ma che anzi, a rigor di logica, sono molto piu' verosimili della pista che ha portato a condannare noi'.

'E qui -aggiunge 'Giusva'- Colombo ha innestato un altro ragionamento: perche' al termine di un lungo iter processuale e' risultata vincente l'ipotesi di accusa meno verosimile, e sono state trascurate le altre? In parte, dice Colombo, c'entra un certo tipo di antifascismo militante, che sicuramente ha condizionato gli esiti del processo. Ma questo spiega solo una parte della vicenda'. Secondo Fioravanti, 'dev'esserci dell'altro, se anche la vecchia Democrazia Cristiana ha accettato questo verdetto, se anche la destra che negli anni recenti e' stata al governo non ha aperto nessun archivio'. Di qui l'interrogativo di questa inchiesta: 'Perche' sono stati tutti d'accordo nello sposare la pista neofascista? Parte da questo punto la parte piu' interessante del libro di Colombo. Una riflessione pacata ma acuta sugli equilibri nazionali e internazionali in gioco all'epoca ma anche oggi'.

La strage di Bologna e' la piu' grave della storia repubblicana e l'unica per la quale siano stati individuati de colpevoli.

Fioravanti e Mambro, all'epoca 22 e 21 anni, condannati all'ergastolo il 23 novembre 1995 dopo cinque processi con sentenza definitiva sono rei confessi di molti omicidi e condannati con ergastoli. Ma i due ex terroristi, che oggi lavorano all'associazione del Partito radicale contro la pena di morte, 'Nessuno tocchi Caino', hanno sempre negato in tutti questi anni ogni responsabilita' nell'eccidio e da anni si battono per una revisione del processo. Di fatto, per il piu' feroce crimine della storia italiana non sono stati individuati ne' un movente ne' i mandanti, e la sentenza di condanna dei due ex terroristi neri ha suscitato non poche perplessita' tra giornalisti e politici come Rossana Rossanda, Paolo Mieli, Francesco Cossiga e l'ex presidente della Commissione stragi, Giovanni Pellegrino.

Scrive Colombo gia' dalle prime pagine di questo libro, invitando il lettore a scoprire passaggio dopo passaggio la vicenda umana e politica dei due ex terroristi neri che si sono sposati in carcere nell'85: 'La condanna per Bologna non cambiera' di molto la condizione materiale di Valerio e Francesca: ma per la loro figlia, nata vent'anni dopo quell'attentato, sapere se i genitori si sono macchiati 'solo' di alcuni omicidi politici o anche del massacro di 85 poveracci potrebbe fare qualche differenza'. E c'e' anche un altro elemento che il portavoce di Rifondazione al Senato, getta sul piatto di una 'revisione' di giudizio sui quei fatti dell'agosto '80: 'Da qualsiasi punto di vista si guardi la vicenda di Bologna, che la si affronti a partire dalle indagini, dal processo o dalla reazioni alla sentenza, si arriva sempre allo stesso nodo: la matrice 'necessariamente' nera della strage, quel 'Sono stati i fascisti' che risuono' in tutto il Paese stravolto'.

La sera del 5 agosto '80, nel corso del primo vertice sulla strage a Palazzo Chigi - presenti otto ministri piu' i vertici della polizia e dei servizi - qualche voce allude a possibili piste alternative alla 'chiara marca fascista'. Su questo punto, Colombo fa notare: 'Il ministro dell'Interno Virginio Rognoni ha ricevuto dal suo omologo tedesco sibillini messaggi che suggeriscono di guardare verso la Libia. Quello dell'Industria Franco Bisaglia ipotizza un collegamento tra Bologna e la strage di Ustica'. Ma le piste alternative 'non si limitano a essere scartate, vengono drasticamente cancellate', per insistere invece sulla matrice neofascista di quei 23 kg di tritolo e T4 contenuti in due valigie che seminarono la morte tra povera gente che una mattina d'agosto attendeva solo un treno.

Cosi', rimarca il giornalista, attualmente collaboratore di 'Liberazione','il verbale della riunione scompare misteriosamente: riapparira' solo quindici anni piu' tardi', quando il giudice Rosario Priore lo trasmettera' alla Commissione stragi nel quadro delle indagini parlamentari su Ustica, nel 1995. Di piu': 'I presenti negano risolutamente che in quella riunione, destinata a orientare una volta per tutte le indagini, si sia parlato di ipotesi diverse da quella neofascista. Un caso di amnesia collettiva'. E nelle indagini l'indice viene puntato non piu', come per la vecchia generazione fascista, contro un movente di tipo golpista, ma contro la 'psicopatologia pura e semplice' dei capi dei Nar, 'pazzi assassini le cui azioni non nessitano neppure di una spiegazione logica'.

Insomma, quei 'ragazzi neri' che avevano saltato il fosso dopo Acca Larentia ed erano passati in clandestinita' dopo aver visto uccidere i propri amici, non avrebbero avuto un chiaro progetto politico-eversivo ma si sarebbero limitati a vivere l'avventura di una banda di 'anarchici di destra' che nella terribile conta delle vittime del terrorismo avrebbe poi lasciato sul terreno 33 omicidi firmati col piombo.

Il fatto e' che nel processo contro 'Giusva' e la moglie Francesca, 'una specie di Wendy nell'Isola delle croci e del sangue', questi elementi psicologici di un gruppo che non voleva avere capi e lottava le gerarchie 'hanno pesato ben piu' delle prove materiali'. Nel mazzo delle 'prove' a carico degli ex Nar vengono gettate anche lettere scritte dalla 'coppia nera' a Mario Tuti, diversi anni dopo Bologna. Nella mani dell'accusa quelle carte diventano 'prova chiara dell'influenza che lo stesso Tuti doveva esercitare' sul terrorismo di destra ai tempi della strage.

Per Colombo, dunque, 'il processo di Bologna e' stato certamente un processo politico, se con questa definizione si intende che la connotazone politica degli imputati ha costituito di per se' un elemento a loro carico, anzi il principale elemento probatorio a loro carico. Non lo e' invece stato se per processo politico si intende invece un procedimento allestito con il fine specifico di colpire una data area politica'. Ecco che 'il processo contro i Nar e' stato interpretato come un processo contro lo stragismo fascista sino a qual momento impunito. Magistrati e opinione pubblica venivano da un decennio di frustrazione ed esasperazione di fronte all'impossibilita' di far luce sulle stragi dei primi anni Settanta'. Di qui la tesi dell'autore di 'Storia nera': 'Il processo e la sentenza per la strage del 2 agosto sono stati, se non una vendetta, un 'risarcimento' per le troppi stragi rimaste senza colpevoli. E' una reazione comprensibile ma non giustificabile'.

L'11 aprile scorso, una sentenza della seconda sezione penale della Cassazione ha confermato la condanna a 30 anni per l'ex terrorista nero Luigi Ciavardini (all'epoca dell'eccidio aveva diciassette anni), mettendo la parola fine al troncone del processo che riguarda gli esecutori materiali della strage. Il libro di Andrea Colombo offre un'altra chiave di lettura di questa terribile storia.

Mostrando che rispetto a tanti fatti, non e' possibile girarsi dall'altra parte.

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori