News per Miccia corta

31 - 03 - 2007

Andreotti a Fassino: difendo la ragione di Stato

(la Repubblica, 31 marzo 2007)

 

 

Liberare la Besuschio non si poteva. Aveva commesso reati da arresto obbligato

 

 

SILVANA MAZZOCCHI

 

 

ROMA - «La ragion di Stato non vale una vita umana? Non credo. Salvare la vita di Aldo Moro non avrebbe risolto il problema o creato una posizione di stabilitá  politicamente corretta». Giulio Andreotti, che quel 16 marzo del 1978, a poche ore dalla strage di via Fani, da capo del governo di unitá  nazionale incassó una fiducia quasi plebiscitaria, non ha ripensamenti. Difende la linea della fermezza e l'asse Dc-Pci e sottolinea che, poichè le Br consideravano nemici «allo stesso modo» sia la Dc che il Pci, reo di «aver abbandonato la linea del rigore», qualsiasi cedimento avrebbe finito per «riconoscere che le Br si sostituivano al Pci». Cosí l'ex presidente del Consiglio commenta le parole con cui il segretario dei Ds ha riaperto la riflessione sulle drammatiche scelte che la politica si trovó a compiere davanti al ricatto brigatista. E aggiunge che «se Fassino parla solo adesso», lo si spiega soltanto «con le polemiche seguite alla liberazione dei taliban per la salvezza di Daniele Mastrogiacomo».

Senatore, lei è dunque ancora convinto che non fu possibile trattare?

«Le Br ce l'avevano tanto con il Pci quanto con la Dc e se la prendevano con Berlinguer per aver introdotto l'eurocomunismo. La fermezza era l'unica strada. E questa posizione era sostenuta da tutto il Pci, tranne forse dissensi individuali. Era il Psi ad avere una linea diversa: Craxi e, soprattutto, Claudio Signorile. Da parte mia ricordo di aver detto con chiarezza ai miei figli: se domani succedesse a me, non voglio pressioni per la trattativa».

Anche la Dc non fu compatta, alcuni esponenti vicini alla famiglia Moro avevano una posizione diversa.

«Ci sono stati pareri differenti, ma solo da parte di alcuni. Fanfani, che aveva rapporti con la famiglia Moro, a un certo punto si espresse in modo difforme».

Il 20 aprile "˜78, quando alla Dc arrivó un messaggio di Noretta Moro, lei annotó nel diario: "La famiglia tiene a far sapere che è ferma nel richiedere che venga salvata la vita di Moro. La Dc deve dire stasera che è favorevole alle trattative... se no domattina la famiglia dissocerá  le sue responsabilitá  dalla Dc».

«Era un punto di vista comprensibile, ma la nostra compattezza rimase. Non per essere testardi; era la posizione del partito. Ed era giusta».

Non ha alcun ripensamento?

«No. Comunque fu fatto ogni possibile sforzo. Per esempio quando, tramite il Vaticano, uscí fuori che forse attraverso un riscatto... insomma, se si fosse trattato di danaro, da parte nostra non ci sarebbero state obiezioni e noi saremmo stati disponibili. Invece si riveló una falsa pista: a proporla era stato un detenuto di Milano che, per mostrarsi credibile, aveva avvertito che se il giorno successivo ci fosse stato il solito comunicato delle Br, quello sarebbe stato falso. In effetti, il giorno dopo, 18 aprile, arrivó quel messaggio firmato Br in cui si annunciava che Moro era stato ucciso e che il suo corpo era nel Lago della Duchessa. Si scoprí invece, ed è cosa nota, che chi aveva fatto quella proposta, era lo stesso autore del finto messaggio. E che non aveva niente a che fare con le Br».

A un certo punto peró fu chiaro che le Br si sarebbero accontentate della liberazione di una sola brigatista, Paola Besuschio. E il 9 maggio, nella D era attesa addirittura un'apertura sul riconoscimento politico.

«Non è vero neanche questo. Quando si disse che Giovanni Leone, allora Presidente della Repubblica, aveva giá  "pronta la penna" per firmare quella liberazione, non si evoca un dato reale. Quella strada non era percorribile. La Besuschio era in carcere per reati che richiedevano il mandato di cattura obbligatorio; quindi, se l'avessimo liberata, sarebbe stata solo una finzione. Era una trappola, fu chiarissimo che sarebbe comunque rimasta in carcere. Il riconoscimento politico, invece, era tutt'altra cosa. Non potevamo riconoscere che le Br erano un partito. Su questo punto nella Dc non ci fu mai un vero contrasto. I dissensi furono solo individuali, niente di piú. E non è vero che fosse previsto un Consiglio nazionale per sconfessare la direzione. Posso assicurare che questa è un'altra leggenda metropolitana; la veritá  è che eravamo accasciati, ma che non avevamo alternative».

Durante i 55 giorni della prigionia di Moro, lei ha scritto nel suo diario tutto quello che riguardava la Dc, il Pci e la linea della fermezza. Annoterá  anche il cambiamento di rotta di Fassino?

«Certo, ho messo da parte i ritagli di giornale con la notizia. Stasera lo faró».

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori