News per Miccia corta

15 - 02 - 2007

Terrorismo, arsenale di armi nel Padovano

 
 
Il viceministro Minniti al Senato: «Dotazione che testimonia da sola la pericolositá  degli arrestati e il grado di efficienza operativa»
  La polizia durante la ricerca delle armi dei terroristi (Fotogramma)
La polizia durante la ricerca delle armi dei terroristi (Fotogramma)
ROMA - Un consistente deposito di armi è stato scoperto ieri dalla polizia nelle campagne padovane nell'ambito delle indagini sulla colonna veneta e milanese delle nuove Br. Lo ha rivelato il vice ministro, Marco Minniti riferendo al Senato. «La Polizia coordinata dalla dottoressa Ilda Boccassini - ha detto Minniti - ha scoperto un consistente deposito di armi nelle campagne padovane dove durante le indagini, nel corso di pedinamenti degli indagati, gli stessi erano stati visti nell'atto di occultare materiale».

L'ARSENALE - «Sono stati sequestrati: un fucile mitragliatore kalashnikov con relativo caricatore; un mitra Uzi con caricatore; una pistola mitragliatrice Skcorpion; una pistola Sig Sauer; una pistola colt calibro 38; un cannocchiale per fucile; due divise estive della Guardia di finanza; tre giubbotti antiproiettile; varie fondine; una parrucca; numeroso munizionamento di vario calibro in corso di repertazione».
«Quanto sequestrato - ha sottolineato Minniti - costituisce la dotazione delle cellule milanese e padovana della formazione terroristica. Una dotazione di tutto rilievo che testimonia da sola la pericolositá  degli arrestati e il grado di efficienza operativa raggiunta. Non ci puó essere alcuna sottovalutazione. Kalashinkov, mitragliatori Uzi, mitragliatrici Skorpion, pistole varie.. Francamente, un po' troppo per essere soltanto l'armamentario di quattro sciagurati».
(Corriere.it, 15 febbraio 2007)
I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori