News per Miccia corta

13 - 01 - 2007

L'oppositore di Fidel torna nella foto la ``glasnost`` di Raul

(La Repubblica, Pagina 27 – Esteri)

 

 

 

  Il vecchio Huber Matos deve accontentarsi delle spalle ma dopo cinquant'anni nella foto c'è anche lui. Per la prima volta l'organo del partito comunista cubano, il Granma, ha pubblicato una immagine non censurata del trionfale ingresso di Fidel Castro all'Avana l'otto gennaio del 1959. Un segnale, un altro - dicono i cubanologi - del fatto che Raul Castro sta affermando il suo stile e il suo potere. Il ritorno, seppur di spalle, di Matos nelle foto del trionfo è ritenuto un sottile messaggio di Raul a tutti coloro che, considerati "traditori della rivoluzione", sono stati cancellati dalla storia ufficiale.

 

Huber Matos fu insieme a Raul, Guevara e Cienfuegos, il quarto comandante della Rivoluzione ed entró all'Avana sulla stessa jeep del leader maximo. Poi nell'ottobre del 1959 Matos, che comandava l'esercito d'Oriente, si oppose alla svolta pro-sovietica della rivoluzione: venne arrestato, processato e condannato a trent'anni di carcere. Da allora la sua immagine era stata letteralmente tagliata da tutti i negativi di quel giorno presenti nell'archivio del Granma e non era mai piú comparsa. Fino all'altro ieri.

 

Che lo stile di Raul sia molto diverso da quello gonfio di narcisismo del fratello è noto. Ma negli ultimi mesi il successore designato si sforza di lanciare anche segnali di novitá  politica. Lo ha fatto a dicembre sia quando ha chiuso il congresso degli studenti, sia quando ha presieduto i lavori dell'Assemblea popolare (il parlamento a partito unico di Cuba). In entrambi i casi Raul è stato pragmatico e diretto sforzandosi nell'alleggerire dalla retorica tipica del regime le sue parole e il suo pensiero. A differenza di Fidel, uomo del tutto incapace a coltivare amicizie e a delegare il lavoro, Raul ha costruito negli anni numerosi rapporti di fiducia con una nomenclatura che oggi potrebbe diventare decisiva nel gestire una transizione.

 

(o.c.)

 

 

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori