News per Miccia corta

10 - 01 - 2007

Lecce, Curcio sale in cattedra. Il Polo insorge

(La Repubblica, MERCOLED√°Ňí, 10 GENNAIO 2007, Pagina 31 ‚Äď Cronaca)

 

Oggi pomeriggio il primo impegno: come direttore editoriale di "Sensibili alle foglie" presenta uno degli ultimi titoli della casa editrice

 

 il sindaco L'ex ministro Adriana Poli Bortone: "Non vedo cosa possa insegnare un personaggio come lui"

 

PIERO RICCI

LECCE - Arriva Renato Curcio e il Polo insorge. ¬ęDa quando gli ex brigatisti sono maestri di vita?¬Ľ, chiede il segretario nazionale dei Giovani di Forza Italia, Francesco Pasquali. A Lecce, dove Curcio arriva questa sera, ospite dell'Universit√°¬†, c'√® poi il doppio attacco di Alleanza nazionale. Il sindaco del capoluogo salentino, Adriana Poli Bortone, ex ministro all'Agricoltura del primo governo Berlusconi e attuale segretario regionale del partito in Puglia, erige un muro: ¬ęNon vedo cosa mai potr√°¬† insegnare un personaggio come lui¬Ľ. Non √® da meno il senatore di An, Alfredo Mantovano, sottosegretario alla Giustizia nella passata legislatura: ¬ę√°ňÜ un'iniziativa assurda¬Ľ. ¬ęAssurda √® questa interferenza brutale di un settore marginale della politica nazionale¬Ľ, replica Pietro Fumarola, ordinario di sociologia delle religioni a Lecce e autore dell'invito a Curcio.

Il fondatore delle Br, ora libero dopo aver scontato 28 anni in carcere, √® a Lecce nella sua veste di direttore editoriale di Sensibili alle foglie, e alle 17, nell'aula Ferrari dell'Ateneo leccese, presenter√°¬† "Il carcere speciale", uno degli ultimi titoli della casa editrice, che documenta l'esperienza degli inquisiti per banda armata e associazione sovversiva dentro al carcere speciale. Domani, invece, parteciper√°¬† a un seminario sull'analisi istituzionale, prima dell'incontro del 12 gennaio a Barletta dove parler√°¬† della precariet√°¬† sul lavoro e della generazione senza diritti con il segretario regionale di Rifondazione comunista, Nicola Fratoianni e Alberto Burgio della commissione lavoro della Camera dei deputati. ¬ęAll'iniziativa di Lecce - spiega Fumarola - parteciperanno docenti di altri atenei italiani ed esteri in un naturale percorso di collaborazione che dura da vent'anni¬Ľ.

Ma il senatore Mantovano resta della sua idea e attacca il rettore Oronzo Limone: ¬ęQuanto sta per accadere non qualifica Renato Curcio: a ci√≥ hanno gi√°¬† provveduto i tribunali e la storia. Qualifica l'Universit√°¬† di Lecce. Trovo l'iniziativa assurda ma trovo ancora pi√ļ sorprendente - continua Mantovano - che non un solo docente dell'Universit√°¬† abbia levato la propria voce per dissociarsi. Sembra quasi pi√ļ semplice dissociarsi dal terrorismo che dalla vergogna. Se, come non mi illudo che accada, Ella ne ha ancora qualche residuo (di vergogna), risparmi all'ateneo - conclude Mantovano - l'umiliazione che sta per subire¬Ľ. Secondo Mantovano, ¬ęgi√°¬† disturba il frequente intervento sui mass media di ex brigatisti, poi "ňúpentiti' o "ňúdissociati', chiamati a commentare vicende attuali e simili a quelle da loro vissute, quasi da "ňúcultori della materia', ma in questo caso - continua il senatore - l'Universit√°¬† ospita il fondatore e, come si evince dalle sentenze pronunciate dall'autorit√°¬† giudiziaria, colui che √® stato il capo delle Brigate rosse; cio√®, dell'organizzazione che, negli anni denominati "ňúdi piombo', non ha soltanto seminato lutti, ma ha portato il suo progetto eversivo fino al cuore delle istituzioni¬Ľ.

Un fuoco di sbarramento davanti al quale questa volta Curcio non si fermer√°¬† come accadde tre anni fa quando il senato accademico dell'ateneo salentino giudic√≥ ¬ęinopportuna¬Ľ la sua presenza. E l'ex br, alla fine, rinunci√≥. Questa volta, no. ¬ęMa io continuo a ritenere inopportuna la sua presenza a Lecce e trovo sbagliato che, ancora una volta, sia stata l'Universit√°¬† ad invitarlo¬Ľ, insiste il sindaco Poli Bortone. Ma nella sua stessa maggioranza, c'√® qualcuno, come il capogruppo dell'Udc in consiglio comunale, Luigi Rizzo, che dissente: ¬ęSe uno come Curcio ha sbagliato, non pu√≥ pagare per tutta la vita¬Ľ.

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori