News per Miccia corta

13 - 10 - 2006

La difesa di Ciavardini: il giorno della rapina presentavo un libro

 ROMA, 12 ott - 'Il giorno della rapina alla Unicredit di via Duccio Galimberti a Roma, il 15 settembre del 2005 ero alla presentazione di un libro sulla strage di Bologna, in uno stand allestito nell'ambito della festa 'Atreju' di Azione giovani'. E' quanto ha spiegato oggi al gip Maria Grazia Giammarinaro, Luigi Ciavardini, l'ex Nar, arrestato due giorni fa dalla polizia in Piazza Fiume, nella capitale, con l'accusa di aver rapinato una banca, un colpo che frutto' 15 mila euro. Ciavardini, assistito dagli avvocati Valerio Cutonilli e Stefano Marzano, si e' sottoposto all'interrogatorio di garanzia nel carcere di Regina Coeli, a cui ha assistito anche il pm Paolo Auriemma che ha chiesto la misura cautelare in carcere per l'ex terrorista dei Nar, condannato negli anni '80 per l'omicidio del giudice Mario Amato e accusato - si attende a giorni la pronuncia della Cassazione - della strage alla stazione di Bologna. 

La difesa di Ciavardini ha presentato istanza al gip di remissione della custodia cautelare in carcere. Il giudice si e' riservato la decisione. I legali di Ciavardini hanno inoltre presentato una memoria al gip annunciando che presenteranno i nomi di alcuni testimoni in grado di confermare il suo alibi. La difesa dell'ex Nar sottolinea che l'ex terrorista ha compiuto reati fino agli anni '80, poi dopo la detenzione in carcere, la sua attivita' si e' contraddistinta anche con una costante presenza pubblica in convegni e manifestazioni, che hanno visto la partecipazione anche di magistrati ed avvocati. Uno dei principali capisaldi dell'accusa, e' una impronta digitale, che apparterrebbe a Ciavardini, rilevata dalla polizia scientifica su una busta cellophane trovata nelle vicinanze dell'agenzia Unicredit.   La difesa di Ciavardini, inoltre, ha ricordato che l'ex Nar, negli anni '80, fu accusato di aver preso parte ad una rapina in Abruzzo e per questo fu condannato in primo grado. Successivamente, ricordano i difensori, fu provato che autore della rapina fu l'anarchico Horst Fantazzini. Ciavardini e' stato condannato a 30 anni di reclusione per la strage di Bologna. L'ex Nar e' stato ritenuto responsabile anche dell'omicidio del poliziotto Francesco Evangelisti, detto 'Serpico', a Roma davanti al liceo Giulio Cesare in Corso Trieste.

(ANSA)

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori