News per Miccia corta

27 - 05 - 2006

Tobagi, un «profeta della ragione»

(dal "Corriere della Sera", 27 maggio 2006)

OGGI IL RICORDO

Tobagi, un «profeta della ragione»

Walter Tobagi è una voce. «...mi sono posta all'ascolto di una montagna di audiocassette d'epoca - scrive la figlia Benedetta -, materiali di lavoro di papá : interviste, conferenze, lezioni. Dopo lo choc iniziale all'udire quella voce perduta che non posso ricordare, l'amarezza gradualmente si è dissolta mentre, incuriosita, mi appassionavo sempre piú alle domande e ai commenti puntuali di papá  a fronte di interlocutori come Sciascia, Saragat, Nenni, Parri».

ሠun ricordo intimo. Quando Tobagi venne assassinato, Benedetta aveva tre anni. Per la prima volta scrive del padre. Una prefazione al libro: «Walter Tobagi profeta della ragione», che raccoglie gli atti del convegno organizzato l'anno scorso, a 25 anni dalla morte dell'inviato del Corriere . Un lavoro meticoloso dei colleghi e amici di Tobagi e dell'Associazione lombarda dei giornalisti. «Walter parla ancora», dicono. E alludono all'attualitá  del suo pensiero e dei suoi scritti, alla profonditá  delle intuizioni. Tobagi è una voce, fisica, incisa sui nastri. E una voce da divulgare. L'obiettivo: «Diffondere i suoi scritti per continuare a farlo parlare». «Speriamo che il libro circoli nelle biblioteche e nelle scuole», spiega l'editore Diego Torri.
Per commemorare il ventiseiesimo anniversario della morte di Tobagi, oggi alle 10 una delegazione del Corriere della Sera porterá  una corona di fiori al cimitero di Cerro Maggiore. Al ricordo parteciperanno il condirettore, Paolo Ermini, il segretario di redazione, Francesco Faranda, e l'ex segretario Luciano Micconi. Alle 11 verrá  deposto un mazzo di fiori davanti al busto di Tobagi, al pian terreno di via Solferino.
L'anno scorso l'Alg, sindacato dei giornalisti lombardi di cui Tobagi era presidente, pubblicó un altro libro: «Walter Tobagi giornalista». Una raccolta di articoli, saggi, capitoli di libri di storia contemporanea. Un tributo al collega che per l'associazione si era impegnato: «Ho cercato anche lí di fare il mio dovere - scriveva Tobagi alla famiglia -, ma il motivo per cui mi sono addossato quella parte è un altro: un gesto di solidarietá  verso quei colleghi che considero anche amici». Senso di responsabilitá . E sacrificio. Stella e Luca Tobagi, moglie e figlio, hanno firmato una seconda prefazione al nuovo volume. Ricordano il passaggio successivo di quella lettera alla moglie: «So bene che tutto questo si ripercuote su di te e sui bambini».
Sulla copertina del libro c'è una foto di Tobagi a New York, le Torri sullo sfondo. Scelta simbolica: «Un filo rosso tragico - spiega Giovanni Negri, presidente dell'Associazione - che lega quegli anni con l'epoca attuale». Maurizio Andriolo, vicepresidente Inpgi, ricorda il Tobagi riformista come Marco Biagi, «l'ultima delle vittime del terrorismo, perché l'intolleranza di cui si parla oggi ha radici nel passato».
I curatori del volume sono Giuseppe Baiocchi, Paolo Chiarelli, Achille Lega e Marco Volpati. Baiocchi riprende il titolo «Walter Tobagi profeta della ragione», e spiega: «Nella Bibbia i profeti sono inascoltati, a volte anche uccisi. Tobagi aveva lo sguardo lungo del vero intellettuale. I profeti parlano ancora».

Gianni Santucci
I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori