I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori

News per Miccia corta

12 - 03 - 2010

Addio ai dossier illeciti il tribunale distruggerá  l'archivio segreto Telecom di Tavaroli

(la Repubblica)

 

 

 
EMILIO RANDACIO


MILANO - Addio dossier illeciti. Addio report riservati dei Servizi segreti, rapporti sulla vita privata di centinaia di aspiranti dipendenti Telecom, di personaggi pubblici che entravano piú o meno in rotta di collisione con gli interessi dell'ex proprietario del colosso telefonico, Marco Tronchetti Provera.
Il gip di Milano, Giuseppe Gennari, ha notificato a migliaia di parte lese (oltre 40 mila), la sua decisione. In dodici pagine di provvedimento, Gennari ha convocato le parti processuali il prossimo «18 giugno, ore 10, aula della prima d'assise d'appello, piano terra del tribunale», per distruggere l'attivitá  illecita raccolta in otto anni di «lavoro» dalla Security che venne gestita dall'ex brigadiere dell'antiterrorismo, Giuliano Tavaroli. La mole è talmente corposa e vasta, che per comunicare la decisione a tutti gli interessati, nei prossimi giorni apparirá  un avviso su cinque quotidiani nazionali. Tra poco piú di tre mesi, poi, Gennari procederá  alla distruzione delle carte, sequestrate dalla procura di Milano per l'inchiesta sulle attivitá  illeciti delle Security Telecom. Sfociata negli arresti del settembre del 2006, e la cui udienza preliminare sta proseguendo in questi giorni.
Non verranno cosí mai resi pubblici i dossier illegali sulla presunta «cricca» che legava la «Gea» di Luciano Moggi e i vertici arbitrali. Tra le carte processuali «cestinate», anche i report sull'ex direttore generale della Juventus, sul figlio Alessandro, sul capo dei designatori Paolo Bergamo, sull'ex giacchetta nera Massimo De Santis. Sospettati di ordire trame illecite per garantire successi al clan bianconero, questi signori sono stati pedinati e controllati dalla struttura Telecom per capire quale fossero i rapporti e i ruoli precisi di questa congiura. Vittima delle angherie del clan Moggi, ovviamente l'Inter, di cui la Pirelli di Tronchetti Provera è sponsor storico.
E la stessa sorte, la faranno i dossier personali finiti nella mani della struttura Telecom, che hanno riguardato il vice direttore del Corsera, Massimo Mucchetti, l'ex ad Vittorio Colao, spiati per settimane, quando l'azionista Rcs Tronchetti sembrava fosse finito al centro di una campagna di stampa negativa. L'interminabile elenco di soggetti «attenzionati», comprende anche magistrati, manager pubblici, noti sportivi, come Bobo Vieri, il cui stile di vita è stato controllato lungamente. Tutti loro, senza saperlo, avevano un dossier riservato, custodito nelle salde mani di Tavaroli. Materiale raccolto illegalmente e su cui, la Corte Costituzionale, con due diverse sentenze, ha ordinato la loro distruzione. Per conoscere meglio la vita dell'ingegner Carlo De Benedetti, la struttura illegale Telecom si sarebbe rivolta direttamente al Sisde, acquistando illegalmente notizie riservate da due agenti infedeli. E la stessa trafila sarebbe stata seguita per ricevere informazioni sul segretario dell'Udc, Roberto Cesa, e sui presunti conti esteri riconducibili al vecchio Pds, dall'emblematico nome di «oak found» (fondo quercia).
Tutto questo materiale, tra tre mesi, dovrá  tassativamente finirá  nella spazzatura.