News per Miccia corta

21 - 01 - 2010

CASSAZIONE «Foibe, non provato il coinvolgimento dei partigiani»

(il manifesto)

 

Nessuna prova è fornita dagli autori del libro «Genocidio» - Mario Pirina e la moglie Anna Maria D'Antonio - sul coinvolgimento, nella deportazione e nella scomparsa nelle foibe di civili italiani, dei partigiani che combatterono contro i nazifascisti nelle valli friulane del Natisone insieme alle forze jugoslave del maresciallo Tito tra il 1943 e il 1945. Lo sottolinea la Cassazione - sentenza 706 della Prima sezione civile - confermando la condanna al risarcimento dei danni da diffamazione a carico di Pirina (ex esponente del Fuan ed ex militante della Lega Nord poi passato a Forza Italia) e della moglie che, ora, dovranno risarcire tre partigiani indicati nel libro, pubblicato nel 1995 anche con fondi erogati dalla Regione Friuli, come deportatori e/o collaborazionisti. In particolare, la Cassazione ha respinto il ricorso confermando, la sentenza emessa nel gennaio del 2004 dalla Corte di Appello di Trieste.

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori