News per Miccia corta

16 - 11 - 2009

Se ``La prima linea`` non piace ai torinesi

 

(la Repubblica, LUNEDáŒ, 16 NOVEMBRE 2009, Pagina IV – Torino)

 

 

 

 


 

 

La notizia poteva anche passare inosservata. Peró qualcuno, particolarmente attento, ha notato che questa sera alle 21 al cinema Italia di Pinerolo - promossa da Film Commission che ha sostenuto le riprese - viene presentato in anteprima il film piú controverso dell'anno, La prima linea di Renato De Maria, che ricostruisce la sanguinosa avventura dei due amanti belli e dannati Sergio Segio (Riccardo Scamarcio) e Susanna Ronconi (Giovanna Mezzogiorno). Il film piú controverso, contestato prima ancora di essere visto (presentato in anteprima mondiale lo scorso settembre al Festival di Toronto), ma anche il piú «torinese», il piú legato alla storia recente e alle ferite ancora aperte lasciate dagli anni di piombo in questa cittá .

 

Tratto dal libro Miccia corta del leader di Prima Linea Sergio Segio, noto nella lotta armata come «comandante Sirio», girato lo scorso anno tra l'ex carcere Le Nuove e alcune location di Pinerolo, uscirá  nelle sale venerdí, in pieno Tff. Come Tetro, il nuovo film di Francis Ford Coppola che il Torino Film Festival ha messo debitamente in programma. Perché non La prima linea? Perché invece di aprire con la biografia del giovane baronetto John Lennon, giá  passata peraltro al London Film Festival, non sparigliare i giochi con una mossa coraggiosa e scegliere per l'inaugurazione il film di De Maria che tiene banco sui giornali da settimane se non da mesi? Se l'obiettivo (uno degli obiettivi, quanto meno) del «nuovo» Tff è quello di accrescere la rassegna stampa, una première con una storia di terrorismo tutta torinese, con i belloni Scamarcio e Mezzogiorno, avrebbe garantito il botto - piú ancora degli squatter.

 

Lucky Red, che distribuisce il film (stasera a Pinerolo sará  presente una delegazione guidata da Andrea Occhipinti), non vuole alimentare ulteriori polemiche. Fa sapere che La prima linea a loro, dal Tff, non è stato richiesto. Come non è stato richiesto dalla Festa del Cinema di Roma e dalla Mostra del Cinema di Venezia, d'altra parte. Titolo scomodo, chiaramente. Che al Tff avrebbe peró creato un po' di movimento.

 

(r.t.)

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori