News per Miccia corta

12 - 11 - 2009

Arrestato leader giovani hitleriani sul Web organizzava raid razzisti

(la Repubblica, giovedí 12 novembre 2009)

 

 

 

 

   

PIERLUIGI DEPENTORI 

 

 

 

BOLZANO - Non si ferma l' onda nera che si sta allargando pericolosamente in Alto Adige. Ieri gli agenti della Digos hanno messo le manette a un imbianchino di 19 anni sospettato di essere il capo di una cellula naziskin operante nel meranese, mentre altri sedici giovani sono stati denunciati, nove sono minorenni. Per tutti l'accusa è di violazione della legge Mancino, ma anche di lesioni e percosse visto che i giovani nazi (molti i minorenni) se ne andavano in giro a picchiare i loro coetanei colpevoli solo di essere stranieri o di sinistra.

Nostalgici ma tecnologici: il gruppetto utilizzava Netlog per scambiarsi materiale su Hitler e il nazismo, tanto da arrivare a mettere in piedi una cellula della Naturnser Hitlerjugend, la Gioventú hitleriana Naturno, sul modello dell'analoga organizzazione tedesca che - richiamandosi alle tristi pagine della storia del Reich - in Germania è stata dichiarata fuorilegge. Tra le prove a loro carico, un video in cui alcuni degli indagati si esercitavano a preparare e lanciare bottiglie molotov.

Il capo della cellula, Dominik Defatsch, era giá  stato arrestato per un pestaggio davanti a una discoteca. Il gruppo di naziskin - secondo gli inquirenti coordinati dal pm Paul Ranzi - avrebbe organizzato piú volte spedizioni punitive per mantenere "integro" quello che consideravano il loro territorio.

Solo un anno fa, era stata cancellata un'altra cellula neonazista in Alto Adige con 16 ragazzi finiti in manette. Un'allarmante escalation, soprattutto tra i giovanissimi di lingua tedesca che sembrano mettere in pericolo la delicata convivenza tra i gruppi etnici. 

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori