News per Miccia corta

20 - 10 - 2009

Tobagi e l'incredibile vicenda di Renzo Magosso

(Articolo21.info)

 


di Stefania Limiti


Tobagi e l'incredibile vicenda di Renzo Magosso

Il caso non ha fatto "˜notizia' ma riguarda la libertá  di stampa e il futuro di una informazione non imbavagliata da norme ambigue. Il tutto intrecciato con alcuni segreti della Repubblica: un mix che non puó passare inosservato. Il fatto è il seguente: il giornalista Renzo Magosso si è beccato una condanna per diffamazione in primo grado da un tribunale di Monza per aver fatto un'intervista ad un ex sottoufficiale dei Carabinieri, Dario Covolo, nome in codice "˜Ciondolo'. Costui aveva sostenuto nella conversazione con Magosso, pubblicata poi su Gente del 17 giugno 2004 - allora diretto da Umberto Brindani - di aver presentato sei mesi prima dell'omicidio del giornalista del Corriere della Sera Walter Tobagi, un rapporto circostanziato per informare i suoi superiori, il generale Alessandro Ruffino, allora capitano, ed il defunto generale Umberto Bonaventura, anch'egli ai tempi capitano, del progetto di uccidere Tobagi ma loro avevano reagito invitando il loro sottoposto ad occuparsi di altro. Tobagi fu ammazzato il 28 maggio del 1980 nel luogo che aveva indicato Ciondolo le cui accuse sono effettivamente pesantissime. Tuttavia, Dario Covolo le ha ripetute davanti ai giudici di Monza, confermando l'esattezza del resoconto di Magosso. Eppure, niente da fare: per quei giudici Magosso avrebbe agito con superficialitá , non verificando l'esattezza delle confidenze che aveva raccolto e non riferendo di "una diversa veritá  ufficiale". Il suo scopo, secondo quei magistrati, era solo quello di firmare uno scoop: possibile che non siano valse a nulla le conferme del diretto interessato? La condanna di Magosso ha il sapore preoccupante per chi fa il mestiere di giornalista e per chi vuole leggere notizie e non veline. Peraltro, anche la giurisprudenza in materia d'informazione è piuttosto chiara. Nel 2001 le sezioni unite penali della Cassazione hanno confermato la non punibilitá  del giornalista che esercita il suo diritto/dovere all'informazione riferendo affermazioni di rilevanza sociale. Come se nulla fosse: il giudice Ilaria Maupoil e, prima di lei, il pm Alessandro Pepè, hanno insistito sulla colpevolezza di Magosso. Una condanna che non suona proprio come un invito a fare attenzione, quando come una vera intimidazione per gli operatori dei media: attenti a non mettere il becco in faccende calde. Solo cosí si puó leggere la sentenza di Monza. Perché il caso Tobagi è una di quelle storie italiane che resta avvolta dal mistero: perché non fu salvato? Fu solo scarsa accortezza o ebbe un ruolo la P2? Dopo la drammatica uccisione di quattro brigatisti, freddati nel covo di via Fracchia a Genova, faceva comodo una ripresa del terrorismo? Sono domande inquietanti, come tante altre che riguardano il nostro passato. Nel suo libro-rivelazione "Le carte di Moro, perché Tobagi" – ed. Franco Angeli, 2003, scritta a quattro mani con il capitano Roberto Arlati, ex membro dell'antiterrorismo di Milano – Magosso affronta anche la vicenda dell'inquietante cancellazione delle informazioni fornite da "Ciondolo" sulla morte di Tobagi e delle pesantissime accuse di Bettino Craxi nei confronti dei Carabinieri, colpevoli, secondo lui, di aver taciuto "una nota informativa che annunciava l'organizzazione dell'assassinio del giornalista del Corriere della Sera". Fu l'allora ministro dell'Interno, Oscar Luigi Scalfaro a riferire in Parlamento il 19 dicembre del 1983 l'aspetto piú inquietante di tutta la storia: Scalfaro diede notizia dell'esistenza della nota informativa di Ciondolo presso gli atti del reparto operativo del Gruppo dei Carabinieri di Milano nella quale Dario Covolo riferiva il 13 dicembre del 1979 del progetto di uccidere Tobagi esattamente nel luogo in cui fu poi ucciso qualche mese dopo. Non solo: Scalfaro aggiunse che... "L'attivitá  dell'Arma dei carabinieri in tutte le vicende riferite [quelle relative all'informativa-Ciondolo, NdA] è attivitá  di polizia giudiziaria che implica, come tale, il dovere di riferire in via esclusiva all'autoritá  giudiziaria dalla quale dipende". Un atto di accusa gravissimo: soprattutto perché non è rimasta traccia dell'informativa resa nota da Scalfaro e fatta sparire probabilmente secondo un modulo nel quale era esperto, ad esempio, l'Anello, il servizio segreto clandestino specializzato nel fare pulizia di carte e persone troppo "˜esplicite'. (Il libro di Magosso e Arlati è divenuto assai noto per il racconto di una giornata particolare, durante la quale furono ritrovate le carte di Aldo Moro in Via Monte Nevoso: l'ex ufficiale dell'antiterrorismo Arlati - si è messo a vendere lavatrici per vivere dopo il congedo -  racconta che dai documenti scoperti furono sottratte molte pagine. Arlati consegnó tutto al capitano Bonaventura, che pretese il "˜tesoro' senza accettare contestazioni perché, disse, dovevano essere portate in visione al generale Dalla Chiesa ma, quando lo riportó indietro, dice Arlati a Magosso, il pacco era "assottigliato al tatto").

Tutte queste pesanti ereditá  del passato sono tornate in aula il 14 ottobre, nel Tribunale di Monza, dove ci si augura che non sia scambiata la veritá  con la condanna ad un giornalista. Speriamo anche che il ministro della Giustizia, passato il Lodo, risponda con sollecitudine al deputato del Pd Paolo Corsini, ex capogruppo dell'Ulivo nella Commissione parlamentare sulle Stragi, che ha presentato una dettagliata interrogazione parlamentare sul caso Tobagi-Magosso, riferendo anche nuove rivelazioni che confermano la scomoda veritá  sull'assassinio del giornalista del Corsera.


Aggiornamento e approfondimenti:

Magosso, peraltro, ha riferito in aula una circostanza inedita e clamorosa: venti giorni dopo il delitto, nel giugno 1980, il generale Dalla Chiesa incontró l'allora direttore del Corriere Franco di Bella e gli disse chiaramente che a uccidere Tobagi era stato Marco Barbone, figlio di un alto dirigente dell'Editoriale. Di Bella chiese a Magosso, che lavorava al quotidiano L'Occhio, e che seguiva le indagini sul terrorismo, di accertare quanto ci fosse di vero. Magosso si rivolse all'allora capitano Bonaventura che confermó la circostanza, aggiungendo: «Abbiamo la certezza, la notizia arriva da Varese». Va chiarito che Rocco Ricciardi, l'informatore citato da Dario Covolo, abitava proprio nel varesotto. Ebbene, il 25 settembre, a poche ore dall'arresto di Barbone, Magosso scrisse sull'Occhio, il tabloid della Rizzoli diretto da Maurizio Costanzo, che era stato arrestato il killer di Tobagi e fece esplicito riferimento a Varese. Solo il 10 ottobre, «in maniera inaspettata e clamorosa», come riferiscono gli atti processuali, Barbone confessó di aver ucciso Tobagi. Magosso dunque non si era sognato nulla. E questa sembra proprio la riprova che nella vicenda ci sia ancora moltissimo da chiarire.


Barbone venne prontamente scarcerato, grazie alla collaborazione con i magistrati, che portó all'arresto di decine di suoi ex compagni. La sua ex fidanzata non venne neppure inquisita, nonostante avesse partecipato al progetto di sequestrare lo stesso Tobagi. Ora il processo contro il giornalista Magosso rischia di trasformarsi, al di lá  della volontá  dei giudici, nella identificazione di un capro espiatorio che sia di monito per chi volesse insistere nel non rassegnarsi a una veritá  di comodo. L'Ordine dei giornalisti e la Federazione della stampa, il ministro della Giustizia, le forze politiche e i tanti sedicenti garantisti, di destra e di sinistra, non hanno nulla da dire?

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori