News per Miccia corta

11 - 09 - 2009

Sindaco leghista: via la targa per Impastato

(la Repubblica, venerdí 11 settembre 2009)

 

 

 

 

 

SALVO PALAZZOLO 

 

 

 

PALERMO - Quella targa della biblioteca comunale di Ponteranica, provincia di Bergamo, intestata al siciliano Peppino Impastato, ucciso dalla mafia nel 1978, non è mai piaciuta al leghista Cristiano Aldegani. L'aveva ribadito con toni solenni in campagna elettorale, e adesso che è diventato sindaco ha provveduto: la targa col nome di Impastato è stata rimossa. Il primo cittadino avrebbe voluto sostituirla subito, con un'altra dedicata a padre Giancarlo Baggi, un padre sacramentino morto nel 2000, residente per molti anni nella comunitá  di Ponteranica. Ma la prefettura di Bergamo ha negato qualsiasi deroga alla legge che vieta di dedicare un edificio a una persona scomparsa da meno di dieci anni. Il sindaco Aldegani non si è arreso, nonostante la dissociazione dei suoi stessi compagni di giunta, del Pdl. La biblioteca resterá  senza targa fino a quando non potrá  essere fatta la nuova intitolazione.

Dice Giovanni Impastato, il fratello di Peppino: «Ho provato fastidio per ció che è accaduto. ሠuna cosa indegna, un gesto incivile che offende la dignitá  umana. Nella scelta del sindaco di Ponteranica leggo solo razzismo». Da Cinisi, in provincia di Palermo, dove nacque e operó Peppino Impastato con la sua Radio Aut che denunciava i rapporti fra mafia e politica, partirá  presto un'iniziativa in direzione Bergamo. «A parole si parla di lotta alla mafia – prosegue Giovani Impastato - ma da certi fatti come quello di Ponteranica si capisce che la lotta alla mafia non interessa».

Fra Bergamo e Cinisi, ieri, è stato un lungo botta e risposta. Il sindaco leghista difende la sua scelta: «Giá  durante la precedente amministrazione, di centrosinistra, avevo espresso le mie riserve – dice Aldegani – onore al merito di chi ha combattuto la mafia, ma ci sembrava giusto intitolare il luogo per eccellenza della cultura del nostro paese a un personaggio locale di grande valore spirituale». ሠuna dichiarazione che mette ancora piú a disagio gli alleati Pdl in giunta: «Non c'erano ragioni ideologiche nella scelta della precedente amministrazione – ribatte il capogruppo in consiglio comunale Luca Oriani – ma aveva seguito un percorso educativo all'interno delle nostre scuole. Non condividiamo davvero la scelta e i metodi usati dall'amministrazione leghista».

Al fianco di Giovanni Impastato ci sono i ragazzi di Libera, poi l'eurodeputata Rita Borsellino, Pina Picierno, responsabile legalitá  del Pd, Massimo Donadi, capogruppo dell'Idv alla Camera e Giovanni Russo Spena, che è stato relatore in commissione parlamentare antimafia dell'indagine sul caso Impastato. «Il sindaco Aldegani – dice Russo Spena – non ricorda di certo che l'indagine dell'antimafia, sul sistema di relazioni che comprendeva mafia, amministrazioni locali e politica, fu approvata all'unanimitá . Evidentemente, il nome di Impastato dá  ancora fastidio a tutti coloro che nei fatti negano la relazione fra mafia e politica. E in questo governo sono tanti». 

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori