News per Miccia corta

08 - 09 - 2009

Chi ha paura di Mara Cagol? A Chivasso bloccato uno spettacolo teatrale

(Dagospia.it)

 

NON SI PUó METTERE IN SCENA LA VITA DI mara cagol - a chivasso stop del sindaco pdl allo spettacolo sulla brigatista: "Non censura, ma salvaguardia" – il regista: "cosí veniamo criminalizzati"

L. Bor. per "La Stampa"

MARA CAGOL
 

Chi ha paura di Mara Cagol? La sua vita non puó essere rappresentata nel teatro civico di Chivasso. Il sindaco Bruno Matola (Pdl) ha rifiutato di affittare la sala: "Non è censura, ma salvaguardia della sensibilitá  dei cittadini da spettacoli che possono turbare".

Mara Cagol Colline Acquiterme

 

La preoccupazione del governo di centrodestra deriva dagli incidenti che avvennero a Chivasso il 10 luglio dell'anno scorso in occasione della presentazione di un libro sul lavoro di Renato Curcio, il fondatore delle Br e marito della Cagol. Ci furono contestazioni da giovani di destra, da parte di familiari delle vittime del terrorismo, ci furono anche tafferugli con ragazzi della sinistra.

 

"Ma non c'entriamo con la manifestazione di Curcio", dice Simone Capula, regista di Fiat Lux, che con "Teatro a canone" e il centro "Paolo Otelli", vicino a Rifondazione, ha organizzato la pièce sulla Cagol. La coincidenza, peró, è notevole: nel 2008 il capo delle Br in persona e ora la rappresentazione teatrale sulla moglie. La donna morí nello scontro a fuoco con i carabinieri il 5 giugno 1975 sulle colline di Acqui Terme.

Curcio RenatoMara Cagol

 

"Noi ricostruiamo la vita di Mara e ci fermiamo al 1975. Si ha paura di che cosa? - insistono regista e attori -: siamo dei professionisti del teatro. Cosí veniamo ostracizzati e criminalizzati. Il sindaco ci giudica senza conoscere il testo. Oltre al danno di immagine c'è anche quello economico - aggiungono -. Ci lavoriamo da un anno sulla base della biografia di Stefania Podda, di poesie di Alda Merini e di canzoni di De Andrè.

 

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori