News per Miccia corta

01 - 09 - 2009

Alemanno nomina un ex naziskin al vertice di Ama

(Unita.it)

 


Il nuovo amministratore delegato della societá  Ama che si occupa dei rifiuti a Roma è Stefano Andrini. Perché il sindaco Alemanno ha scelto proprio lui? Evidentemente per il suo curriculum: una condanna a 4 anni e otto mesi per tentato omicidio, una militanza ventennale tra i naziskin romani, una aggressione (in compagnia di suo fratello) a colpi di spranga ai danni di due ragazzi finiti in ospedale e in coma, la convinta celebrazione nella cittá  di Wunsiedel del delfino di Hitler Rudolf Hess, ecc...
«Con la nomina di Andrini il sindaco conquista il podio dell'inaffidabilitá  e si dimostra prigioniero dell'estrema destra. Come purtroppo previsto, ecco infatti l'ennesimo dietro front, con annessa pessima figura, di Alemanno che solo pochi mesi fa, in seguito alle notizie trapelate sui media, aveva smentito la nomina dell'ex naziskin ad amministratore delegato di Ama servizi ambientali». Lo dichiara in una nota il consigliere del Pd alla Provincia di Roma Pino Battaglia.
Il diretto interessato tenta una replica: «Sono iscritto da Alleanza Nazionale da oltre 10 anni e ora ho aderito al Popolo delle Libertá  nei cui valori mi riconosco pienamente. Ho pagato il mio debito con la giustizia per ció che è accaduto 20 anni fa e sono stato completamente riabilitato giá  da molti anni» e annuncia «quereleró per diffamazione e citeró per danni chiunque osi definirmi naziskin...».
Ma a definirlo cosí è l'agenzia Ansa che racconta di una delle sue ultime "imprese": una sassaiola a la Sapienza nel 1994 prima di un concerto antirazzista organizzato dalla sinistra giovanile. L'unico arrestato è Stefano Andrini. «Gli inquirenti - scrive l'Ansa - hanno ricordato che Andrini, ritenuto vicino agli ambienti dei nazi-skin aderenti a ''Movimento Politico'', era stato condannato a quattro anni di reclusione per aver partecipato il 10 giugno dell'89 all'aggressione di due ragazzi davanti ad un cinema in piazza Capranica, al centro di Roma».

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori