News per Miccia corta

02 - 02 - 2006

Le 2273 stragi nazifasciste e l`armadio della vergogna



Stragi nazifasciste, dall`«Armadio della vergogna» 709 fascicoli alle Procure


E` del 1994 il ritrovamento di centinaia di fascicoli relativi a crimini compiuti dai nazifascisti in Italia fra il 1943 e il 1945. Decine di migliaia di civili inermi furono vittime di 2273 stragi.
Dal 1947 una mano ignota aveva chiuso i fascicoli di centinaia di queste stragi dentro un armadio, all`interno del palazzo della Procura generale militare - il cosiddetto ``armadio della vergogna`` - con le ante rivolte verso il muro e chiuse a chiave.
Dopo il ritrovamento del `94, la Procura militare ha riavviato i processi a carico dei pochi criminali nazifascisti ancora in vita, e si è insediata una Commissione parlamentare d`inchiesta.
Il presidente della Corte militare d`appello, Massimo Nicolosi, ha detto oggi, in occasione dell`inaugurazione dell`anno giudiziario militare, che di quei fascicoli ``709 sono stati trasmessi alle Procure militari territorialmente competenti perché, finalmente, avessero corso, ove possibile, i conseguenti procedimenti``. Nicolosi ha sottolineato che ``non è compito di chi parla stabilire i motivi per i quali per circa 50 anni non si è proceduto per tali fatti, in quanto è tuttora in corso l`indagine da parte di una commissione parlamentare. Le indagini sono state particolarmente lunghe e complesse, sia per l`identificazione degli imputati, sia per la ricerca dei testimoni, sia per la necessitá  di ricorrere a rogatorie internazionali e quindi alla collaborazione con autoritá  giudiziarie straniere. In molti casi non si è potuto giungere a conclusione delle indagini, sia per la prescrizione dei reati, sia per l`impossibilitá  di trovare adeguato materiale probatorio, sia infine per la morte dei rei. Tuttavia per le ipotesi di maggiore gravitá , per le quali era esclusa la prescrizione, mentre tuttora sono in corso indagini presso vari uffici del Pm, si sono conclusi o sono in fase di conclusione numerosi processi``.
I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori