News per Miccia corta

07 - 05 - 2009

Pinelli, la Calabresi plaude a Napolitano ma l'invito divide i familiari delle vittime

 

(la Repubblica, giovedí, 07 maggio 2009)

 

 

 

 

 

 

 

  La vedova dell'anarchico parteciperá  alla Giornata del ricordo 

 

 

 

PIERO COLAPRICO

 

 

MILANO - «Un passettino avanti verso la veritá ». Vive anche cosí, Licia Pinelli, a 81 anni, il sorprendente invito ricevuto dalla Presidenza della Repubblica per partecipare, sabato, al «giorno del ricordo delle vittime del terrorismo e delle stragi». E, come spiega lei stessa al Tgr Lombardia, rompendo il suo «silenzio marmoreo» (definizione dell'anarchico Mauro De Cortes, del milanesissimo Ponte della Ghisolfa), ha accettato: «Dopo averci pensato su un po', ho detto di sí perché stimo molto il presidente Napolitano».

Sono passati ben quarant'anni dalla morte del marito. E se i piú giovani ignorano gran parte di questa ingarbugliata tragedia, ormai da libro di storia, per molti - vittime e familiari, i vari protagonisti, i tantissimi cittadini che c'erano - piazza Fontana è e resta un «tempo sospeso»: uno spartiacque, un dolore che non passa. Non è passato di certo alla vedova di Pino (Giuseppe) Pinelli, il ferroviere anarchico, entrato in motorino nella questura di via Fatenefratelli per un interrogatorio la sera del 12 dicembre. E uscito tre notti dopo, morente, in autoambulanza. Era precipitato dalla finestra dell'ufficio del commissario Luigi Calabresi, che non c'era (era dal questore), e che poi venne ammazzato in via Cherubini il 17 maggio del "˜72. Tragedia su tragedia, questi erano gli «anni di piombo».

Pinelli non c'entrava - accerterá  la magistratura in varie inchieste - con i 16 morti e oltre 80 feriti della strage, avvenuta con una bomba al plastico innescata da un timer nella sede della banca dell'Agricoltura. Come non c'entravano Pietro Valpreda, «il mostro», e gli anarchici. Né, ha stabilito una sentenza del giudice Gerardo D'Ambrosio, Pinelli venne ammazzato in questura: «Ci furono delle irregolaritá , perché lo tennero lá  tre giorni, lo nutrivano a panini, non gli dettero mai un letto, il malore era l'ipotesi piú probabile», dice l'attuale senatore pd.

Al malore, peró, la vedova non ha mai creduto. E, dunque, le viene chiesto, se nella cerimonia, creata l'anno scorso dal presidente Giorgio Napolitano, per ridare onore, dignitá  pubblica, visibilitá , spazio alle persone che subirono la violenza - a volte organizzata a volte folle - dovesse incontrare la vedova Calabresi? «Si deciderá  al momento», dice. Gemma Capra, donna altrettanto silenziosa, vedova del commissario, ha peró giá  teso la mano: «Penso che il gesto del presidente della Repubblica sia di grande importanza. In questi quarant'anni non l'ho mai incontrata, ma mi sento di dire che lei, io ed i nostri figli siamo stati tutti vittime di una stagione di odio e di terrorismo. Oggi sento che la nostra sofferenza ci accomuna». Altri parenti delle vittime sono chiusi per ora nel «no comment», in totale disaccordo c'è Giovanni Berardi, figlio di un maresciallo ucciso. Per lui l'invito è addirittura un «oltraggio alla memoria delle vittime di piazza Fontana». «Molto perplessa» si è detta Mariella Magi Dionisi, vedova dell'agente Fausto Dionisi.

Ma dopo Fausto Bertinotti, che da presidente della Camera, commemoró Pinelli, ora arriva Napolitano a farsi carico di una speranza di pacificazione. Quarant'anni dopo suo marito è tra le vittime di piazza Fontana? «Sí», risponde la vedova. 

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori