News per Miccia corta

06 - 03 - 2009

Anni Settanta, censura in Prima Linea

 

(il manifesto, 6 marzo 2009)

 

 

Cristina Piccino

 

 

 

 

 

 

All'inizio c'è "Miccia corta", il romanzo (Derive&Approdi) in cui Sergio Segio, nome di battaglia «comandante Sirio», tra i fondatori di Prima Linea, racconta gli anni Settanta, le lotte, i movimenti, cosa portó alla scelta della lotta armata, le stragi istituzionali e fasciste concentrandosi su una giornata, il 3 gennaio del 1982, quando il gruppo attaccó il carcere di Rovigo per liberare quattro compagne tra cui Susanna Ronconi che Segio aveva sposato in carcere. Il crollo del muro uccise per sbaglio Angelo Furlan, un pensionato che era uscito col cane. Peró alla notizia del film la figlia di Furlan, Maria Teresa, aveva detto che sí, che dovevano farlo, lei i terroristi li aveva perdonati...

 

Eppure quando il progetto di "Miccia corta", film divenuto "La prima linea" (produce la Lucky Red con la regia di Renato De Maria), è arrivato al ministero si è scatenato, come sempre ogni volta che si toccano gli anni Settanta, il putiferio.

 

Il ministro Bondi dapprima sembrava deciso a rifiutare il finanziamento, poi c'era stata una seduta straordinaria, il 19 settembre, a cui avevano partecipato gli autori, la produzione, le associazioni dei familiari delle vittime del terrorismo, che aveva rinviato ancora la decisione chiedendo nuove modifiche alla sceneggiatura.

 

Infine il 19 dicembre scorso il film aveva ottenuto il finanziamento ministeriale di 1,5 milioni di euro. Le ragioni, spiegate nelle note sul sito del ministero stesso, sono sostanzialmente legate al valore della sceneggiatura di Sandro Petraglia, Ivan Cotroneo, Fidel Signorile (31 punti su 35 di massimo), di cui si apprezzavano i cambiamenti fatti raccogliendo le richieste delle associazioni e del ministero stesso. Che ha imposto comunque altre condizioni tipo comunicare ogni variazione, il divieto di partecipare alla promozione del film per i protagonisti reali (quindi Segio e Susanna Ronconi), ai quali non deve andare nessuno provente.

 

 
Il comune di Milano, intanto, aveva concesso un patrocinio visto che la storia si svolge anche nel capoluogo lombardo e molte scene saranno girate lí . Peró dopo nuove proteste di familiari e politici lo ha ritirato. « Non ci ho dormito la notte su quella delibera... Pensavo che i problemi coi familiari delle vittime fossero stati chiariti» ha dichiarato Giovanni Terzi, assessore al tempo libero per il comune di Milano. Plaude la decisione, invocando Bondi a fare lo stesso, il procuratore Armando Spataro, coordinatore del dipartimento antiterrorismo alla procura di Milano. Supportato ieri (sul "Corriere della sera") da altre voci, che polemizzano con la scelta di fiction della storia con il troppo bello Riccardo Scamarcio nel ruolo di Segio (ma non è che uno brutto equivale lombrosianamente, e per fortuna, a uno cattivo) e Giovanna Mezzogiorno in quello di Susanna Ronconi.
Tutta questa storia, purtroppo, suona come un copione abusato, pronto ogni volta che si parla degli anni settanta, il «grande tabú». ሠaccaduto anche la scorsa estate, con il film di Gianfranco Pannone, "Il sol dell'avvenire", ispirato alla storia dell'ex-br Franceschini, lí Bondi aveva minacciato nuove regole di censura preventiva. E anche a sinistra si preferisce assecondare i cori ipocriti, con quell'aria grave sfoderata in queste occasioni di cose che non si possono pronunciare, temibili, tutte sbagliate. Per questo è sempre piú insopportabile, e pericoloso visti i metodi dinsinvolti dell'attuale classe politica al governo. Inoltre: come si fa a giudicare un film senza vederlo, anzi prima di girarlo?
Non che il cinema italiano sia immune da queste ansie, ogni volta che si fa un film su quegli anni è sempre brutto, o autocensorio, come se i registi, anche i piú lucidi, fossero paralizzati (in questo senso il migliore resta "La tragedia dell'uomo ridicolo" di Bertolucci). Per conoscere gli anni settanta bisogna vedere i film di chi li raccontava in contemporanea – infatti semiclandestini e mai «studiati» da quasi nessun nostro regista – da Grifi a Antonello Branca, dove di quel periodo si vedono conflitti, contraddizioni, e soprattutto viene restituita, come nel libro di Segio, anche se con scelte politiche diverse, la violenza di stato contro operai, studenti, e dissenso (non solo armato) che non si puó cancellare quando se ne parla. Anni di lotte non solo di pallottole come la strumentale retorica di oggi continua a dire. Gli anni settanta sono molto di piú dell'equazione terrorismo/lotta armata, forse per questo un film cosí doveva essere «indipendente», e in realtá , se non avesse ottenuto i finanziamenti di Rai Cinema e Medusa, piú Sky per i diritti pay-per-view, poteva essere interamente prodotto all'estero, visto che è appoggiato da Euroimage e gode della coproduzione, al 20% dei fratelli Dardenne. Peró non sarebbe giusto. Perché la questione fondamentale resta una sola: non è possibile che in Italia venga cancellata la libertá  di raccontare. Che l'immaginario - giá  non vivissimo - debba essere appiattito su cose gradevoli, o lacrimose o piatte, basta che non diano fastidio, che non tocchino la contemporaneitá , che non provochino dubbi, domande, diversa conoscenza. Quindi "Gomorra" che non è sopportabile perché offre una cattiva immagine dell'Italia, e se è un buon film conta poco salvo dopo averlo attaccato scandalizzarsi per la mancata nomination agli Oscar.
Gli autori di "La prima linea" hanno scelto per ora il silenzio. Li capiamo, si creerebbero discussioni inutili sul niente. Vedremo il film, li ascolteremo al momento giusto.
Sergio Segio ha pagato la sua pena con ventidue anni di carcere. Non è che riflettere su logiche e motivazioni di un passato cosí vicino, e appunto cosí irrisolto, significhi mancanza di rispetto per le vittime. Anzi. ሠun fatto di cultura e di conoscenza, cose queste sí molto svalutate da noi oggi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori