News per Miccia corta

05 - 03 - 2009

Bufera sul prete che fa il saluto romano

 

 

(la Repubblica, giovedí, 05 marzo 2009)

 

 

 

 

 

 

 

Celebra messe sulla tomba di Mussolini, va ai comizi di Fn col rosario contro l'invasione islamica

 

 

 

PAOLO BERIZZI

 

 


BERGAMO - Forse basterebbe la sua concezione-rivisitazione dell'abito talare. «La tonaca è soltanto una camicia nera piú lunga», profetizzó un giorno don Giulio Tam. E giá . Che questo padre lefebvriano, "gesuita itinerante", avesse piú di una simpatia per la destra radicale, si sapeva. E' da anni che benedice alla sua maniera militanti e manifestazioni neofasciste («Peró non posso dire che sono fascista, perché è vietato...»). Le messe celebrate ogni anno sulla tomba di Benito Mussolini a Predappio; le commemorazioni dei caduti repubblichini; le ospitate, ormai abituali, ai comizi di Forza Nuova con tanto di «rosario contro l'invasione islamica». Ma le fotografie pubblicate ieri su Repubblica.it - che lo ritraggono mentre fa il saluto romano in testa al corteo di Forza Nuova a Bergamo (sabato scorso) - lo consacrano definitivamente. C'era da benedire l'apertura di una sede del partito, e cosí padre Tam, accanto al segretario nazionale forzanovista Roberto Fiore, non si è risparmiato: dietro, in marcia per le vie del centro cittadino, un centinaio di militanti con caschi e bastoni; davanti lui, col braccio destro teso a salutare la parata militare. Ora a Bergamo infuriano le polemiche (dopo quelle seguite ai violenti scontri tra polizia e centri sociali). Perché, come se non bastasse il prete che fa il saluto romano (Alternativa sociale nel 2006 lo candidó alle europee), a reggere le fila della manifestazione - tra "boia chi molla", inno di Mameli e qualche "Sieg Heil" - assieme a Fiore e al coordinatore nazionale Paolo Caratossidis, c'era Dario Macconi, neo responsabile provinciale di Forza Nuova e figlio di un consigliere regionale (e presidente provinciale) di An. Per cercare di togliersi dall'imbarazzo, Pietro Macconi ieri ha convocato una conferenza stampa: «Voglio bene a mio figlio ma non condivido gli ideali e i metodi di Forza Nuova». Il bello è che Dario Macconi - che si è sempre nascosto dietro lo pseudonimo "Astipalio" - è un fuoriuscito da An, scelta per la quale il padre si dice «dispiaciuto». Lui e i vertici cittadini del partito prendono le distanze dalla parata forzanovista. Un corteo che il sindaco Roberto Bruni (centrosinistra, ricandidato per le prossime elezioni) giudica «inquietante e gravissimo», cosí come la presenza di un sacerdote. «Per di piú in una cittá  che vanta una forte tradizione antifascista e cattolica». All'attacco anche il parlamentare Antonio Misiani: «Le immagini che abbiamo visto, i saluti romani, i caschi e le spranghe, sono sconcertanti. An faccia chiarezza fino in fondo, non basta un comunicato». Don Giulio Tam, da Sondrio, non si scompone, anzi: «Staró sempre a fianco dei giovani di Forza Nuova, Mussolini è un martire e io sono favorevole alla sua beatificazione». E il saluto romano? «I ragazzi mi hanno chiesto di benedirli, e io ho svolto la mia funzione».

 

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori