News per Miccia corta

15 - 12 - 2005

Gran Bretagna: per 4 anni in carcere senza imputazioni

TERRORISMO: GB; PER 4 ANNI IN CARCERE, MAI INTERROGATI
TRE ALGERINI E UN PALESTINESE. LA DENUNCIA SU THE INDEPENDENT


(ANSA-AFP) - LONDRA, 15 DIC - Tre algerini e un palestinese sospettati di terrorismo sono stati in carcere per quattro anni in Gran Bretagna senza essere mai stati incriminati e neppure interrogati. Lo ha scritto oggi il quotidiano britannico The Independent citando le loro testimonianze raccolte da Amnesty International.
I quattro uomini fanno parte dei 16 sospettati che furono incarcerati senza processo in base alle nuove leggi adottate nel Regno Unito dopo gli attentati dell`11 settembre 2001 a New York e Washington.
I presunti terroristi - ha scritto il giornale - erano stati rinchiusi in carceri di massima sicurezza, in condizioni che sono state denunciate dalle organizzazioni di difesa dei diritti umani.
La loro detenzione fu giudicata illegale dalla Camera dei Lord britannica, nelle sue funzioni di Corte suprema di giustizia, un anno fa. Dopo quella sentenza, i sospettati furono rimessi in liberta` vigilata.
Tre di essi sono stati nuovamente arrestati lo scorso agosto su richiesta dei servizi d`immigrazione, quindi rilasciati a ottobre per decisione di una commissione d`appello. Ma - sottolinea The Independent - sono da allora posti agli arresti domiciliari.
``Questi uomini sono stati privati della liberta` per quattro anni e non erano stati neppure ne` incriminati ne` giudicati``, ha detto un portavoce di Amnesty. ``Quello che e` davvero scioccante e` che questi uomini, sospettati di essere terroristi internazionali, non sono mai stati interrogati dopo il loro arresto``, ha scritto il quotidiano.
Secondo il giornale, i quattro uomini (il palestinese Mahmud Abu Rideh e gli algerini identificati come `A`, `G` e `H`) lamentano ora problemi di salute mentale, tra cui depressione, e il fatto che siano costretti agli arresti domiciliari non fa che prolungare il loro dramma.


I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori