News per Miccia corta

05 - 02 - 2009

Voci di donne della Resistenza

 

(Unita.it)

 

di Gabriella Gallozzi e Guido Albonetti


Voci di donne dalla resistenza. Partigiane, combattenti, ragazze armate testimonianze da salvare, subito perch√© sono le ultime protagoniste di una stagione di libert√°¬†. Come Steven Spielberg ha raccolto nella Shoah foundation le voci degli ultimi sopravvissuti di Auschwitz cos√≠ pensiamo necessario raccogliere, in un archivio audiovisivo, i racconti delle donne partigiane di tutta Italia delle quali la storiografia ufficiale poco o niente si √® occupata (fondamentale in proposito √® "La Resistenza taciuta.  Dodici vite di partigiane piemontesi." di Anna Maria Bruzzone e Rachele Farina, con prefazione di Anna Bravo, edito da Bollati Boringhieri nel 2003). Guarda il video.

Racconti filmati da conservare e promuovere a salvaguardia di quella identitá  femminile che tanto ha giocato nell'ambito della lotta di Liberazione. Ancora oggi le cifre non sono sufficientemente documentate. Eppure i numeri parlano chiaro: 35.000 partigiane nelle formazioni combattenti, 20.000 staffette, 70.000 organizzate in gruppi di difesa. 683 le donne fucilate o cadute in combattimento; 1750 le ferite, 4633 arrestate, torturate e condannate dai tribunali fascisti, 1890 le deportate in Germania. ...

"Tornata a casa volevo mantenere la promessa fatta il giorno della Liberazione di far sapere a tutti cosa era accaduto e far si che non venissero dimenticati i milioni di Uomini, Donne e Bambini che morirono in quel mondo fuori dal mondo"¬Ě..."¬ĚIncontrammo gli studenti, che dimostrarono una voglia incredibile di conoscere ci√≥ che la scuola e i libri non gli raccontavano"¬Ě..."¬ĚPer noi donne era arrivato il momento di smascherare chi voleva screditare il ruolo femminile, il nostro duro lavoro nella Resistenza e nei campi di sterminio"¬Ě..."¬ĚQuesto √® stato ed √® il nostro compito, e lo sar√°¬† fino alla fine dei nostri giorni"¬Ě. Anna Cherchi. partigiana combattente ‚Äď deportata politica a Ravensbr√ľck numero di matricola 44.145-1721.

Da qui prende le mosse l'archivio "Voci di donne dalla resistenza"¬Ě su cui stiamo lavorando da pi√ļ di due anni, con l'Associazione culturale Antonello Branca, un primo finanziamento ottenuto dalla Regione Lazio e il patrocinio de L'Unit√°¬†, di Liberazione e dell'Anpi, ovviamente. Spinti dall'urgenza: le testimoni viventi sono tutte molto anziane. Raccogliere in video le loro storie √® una sfida contro il tempo. Per ora abbiamo fatto un "censimento"¬Ě con una trentina di nomi, raccolti in tutta Italia e ne abbiamo realizzate 14. Senza badare alla "notoriet√°¬†"¬Ě dei personaggi poich√© il nostro obiettivo √® raccogliere la memoria pi√ļ vasta di questa pagina di storia, alla quale anche "l'umile contadina, offrendo un piatto di minestra o curando i feriti ha contribuito in modo determinante rischiando la vita"¬Ě, come racconta Walchiria Terradura, comandante del gruppo Settebello della brigata Garibaldi-Pesaro.

Le videotestimonianze saranno raccolte e catalogate in un portale dedicato, in cui destinare le informazioni di tutto quello che esiste sull'argomento donne e resistenza: film, documentari, interviste originali realizzate dal dopoguerra, fotografie, libri e memorie. Materiali "depositati"¬Ě nei tanti archivi d'Italia ma mai messi in "contattato"¬Ě tra di loro. Tutto questo servir√°¬† da fonte informativa per "rintracciare i luoghi della memoria"¬Ě a disposizione di studenti, ricercatori e documentaristi. Un flusso di conoscenze per tenere insieme la memoria di ieri e di oggi. Per esempio: dal documentario di Liliana Cavani, "Donne nella resistenza"¬Ě del '64 a "Staffette"¬Ě di Paola Sangiovanni del 2006. Quest'ultimo mette insieme i racconti di quattro staffette piemontesi (Claudia Balbo, Anna Cherchi, Marisa Ombra e Nicoletta Soave) a confronto con una memoria che non √® quella immutata delle diciottenni di allora, ma di donne ormai anziane ‚Äď due di loro sono scomparse negli ultimi tre anni - e padrone di una diversa consapevolezza della storia.

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori