News per Miccia corta

22 - 01 - 2009

Rimuovere Lenin?

 

(la Repubblica, giovedí, 22 gennaio 2009)

 

 

LEONARDO COEN

 

 


Correva ieri l'ottantacinquesimo anniversario della morte di Lenin, l'organizzazione interregionale Comunisti di Pietroburgo e della regione di Leningrado, dopo il rituale pellegrinaggio al mausoleo della Piazza Rossa, si è rivolta a Putin e Medvedev perché il padre della Rivoluzione venisse insignito post mortem con l'onorificenza «Eroe della Federazione Russa». Ma la realtá  è che oggi ben due terzi dei russi, secondo un sondaggio dell'istituto di ricerche Vtsiom, invece dell'ennesima medaglia vorrebbero finalmente assegnare a Lenin una bella tomba, e farla finita col mausoleo e tutto quello che ci ruota intorno. Non solo: il 41 per cento dei russi ritiene che conservare il corpo nel mausoleo sia una cosa sbagliata e innaturale e il 38 per cento è d'accordo che la sepoltura debba avvenire prima possibile. Lo sollecita anche la Chiesa ortodossa: «Se i comunisti vogliono venerare il corpo di Lenin che per loro è un idolo, una cosa sacra, che lo mettano al museo di Ulianovsk. La Piazza Rossa è un patrimonio di tutti, non solo dei comunisti», ha dichiarato Mikhail Vigiljanskij, il portavoce del Patriarcato.

«La societá  russa è ormai pronta per questa sepoltura. ሠnecessario: simboleggerá  il cambiamento in direzione della libertá  e della democrazia», incalza Arsenij Roginskij, direttore dell'associazione Memorial. Ghennadij Zjuganov, capo del partito comunista, non ci sta ovviamente: «Questo sondaggio è distorto, chiacchiere e basta. Vogliono profanare la memoria di Lenin e l'epoca sovietica».

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori