News per Miccia corta

12 - 10 - 2008

Francia, no all`estradizione in Italia dell`ex brigatista Marina Petrella

 

(Corriere.it)

 

 



 

Ex dirigente della 'colonna romana', rifugiatasi oltralpe dal 1993, è stata arrestata nell'agosto del 2007 a Val-d'Oise

 


 

No all'estradizione in Italia di Marina Petrella, ex membro delle Brigate Rosse, attualmente detenuta in Francia. Il presidente Nicolas Sarkozy ha deciso di non applicare il decreto sulla sua estradizione per «ragioni umanitarie», come ha comunicato l'avvocato della Petrella, Irene Terrel.

 

Un decreto del governo francese dello scorso 3 giugno, autorizzava l'estradizione verso l'Italia, dove una sentenza del 1992 condannava Petrella all'ergastolo per omicidio. Un comitato di sostenitori dell'ex brigatista, ora 54enne, aveva domandato al presidente francese Sarkozy l'applicazione della «clausola umanitaria» prevista dalla convenzione sull'estradizione franco-italiana del 1957.

 

Marina Petrella aveva depositato un ricorso al Consiglio di Stato contro il decreto che autorizza la sua estradizione. Il ricorso sará  esaminato mercoledí alle 14:00 dalla seconda e settima sotto-sezione riunite. Ex dirigente della 'colonna romana' delle Br, rifugiatasi in Francia dal 1993, Marina Petrella è stata arrestata nell'agosto del 2007 a Val-d'Oise, dove lavorava come assistente sociale. Il suo stato fisico e mentale non ha cessato di peggiorare per un anno e l'ex brigatista è restata in carcere fino a quando la Corte d'appello di Versailles ha autorizzato da agosto la libertá  sotto controllo giudiziario per permetterle di ricevere delle cure senza essere detenuta. Marina Petrella è ricoverata presso l'ospedale parigino Sainte-Anne, dove è nutrita attraverso un sondino che consente «la sua sopravvivenza con un'alimentazione minima», secondo la Lega dei Diritti dell'Uomo.

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori