News per Miccia corta

08 - 10 - 2008

Censura sul film Miccia corta. Sotto esame la sceneggiatura: si chiede una chiara condanna del fenomeno

 

 LEGGI IL COMUNICATO STAMPA DEL MINISTERO DEI BENI CULTURALI

 

 

 

(la Repubblica, mercoledí, 08 ottobre 2008)

 

 

 

 

 

Rinviata la decisione sul finanziamento statale a "Miccia corta". Premiato il kolossal di Martinelli su Barbarossa

 

 

 

 

CONCETTO VECCHIO

 

 




ROMA

 

 

Barbarossa sí, "Miccia Corta" rimandato. Finanziato con denaro pubblico il film di Renzo Martinelli, che tanto piace alla Lega, rinviata invece di qualche mese la decisione sulla sovvenzione al soggetto tratto dal libro dell'ex terrorista Sergio Segio: la commissione per la cinematografia del ministero dei Beni culturali ha invitato la produzione, Lucky Red, a consegnare «una nuova stesura della sceneggiatura per consentire un esame unitario», dopo le recenti «variazioni comunicate a verbale e per lettera». Questo dopo l'esame fatto insieme alle associazioni delle vittime del terrorismo, lo scorso 19 settembre. «Vi è la necessitá  di verificare dalla lettura della sceneggiatura l'alto profilo dell'etica pubblica, giá  richiamato dal presidente Napolitano in occasione della prima giornata della memoria. E quindi la commissione esprime l'auspicio che dall'esame definitivo del progetto emerga chiara ed inequivocabile la volontá , piú volte manifestata dagli autori, di realizzare un film che, pur partendo da una singola storia, costituisca una riflessione sul terrorismo, evidenziando una netta condanna di questo fenomeno criminale».

 

 

Non è una bocciatura, ma urge un nuovo vaglio alla luce dei cambiamenti apportati. Spiazzato il produttore, Andrea Occhipinti: «E' una decisione che ci penalizza, perché le riprese dovevamo partire a gennaio e la storia è ambientata in inverno. Mediteremo su cosa fare». Regia di Renato De Maria, attori Riccardo Scamarcio e Giovanna Mezzogiorno, "Miccia corta" racconta l'assalto al carcere di Rovigo di Prima Linea (3 gennaio 1982), per liberare Susanna Ronconi. Vi perse la vita un pensionato, Angelo Furlan, la cui figlia, Maria Teresa si è peró detta favorevole al film. Budget di 5 milioni, metá  chiesti allo Stato. La commissione, presieduta da Gaetano Blandini, membri Rosaria Marchese, Stefania Carini, Enrico Magrelli, Francesco Gesualdi, Oscar Iarussi e Dario Viganó, ha intanto riconosciuto il «solido impianto produttivo e dell'alto valore delle componenti artistiche». Via libera invece a "Barbarossa, il pugnale e la corona" e a altri 12 titoli.

 

 

 

 

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori