News per Miccia corta

14 - 08 - 2008

Esame etico dei film? No di Centoautori al ricatto di Bondi

 

(Liberazione, giovedí 14 agosto 2008)

 



 

«Speravamo si trattasse di un abbaglio estivo. Invece il ministro Bondi sembra realmente intenzionato a istituire una commissione ministeriale che valuti i progetti di film da un punto di vista specificamente etico o politico. Ci sembra un precedente grave, che rischia di diventare uno strumento per impedire il racconto di momenti sensibili, scomodi o dolorosi della storia del nostro paese». Lo affermano i Centoautori, il movimento dei professionisti del cinema e dell'audiovisivo, capitanati da Giuseppe Piccioni, che ha formulato una sorta di "manifesto" per il cinema. La nota arriva all'indomani delle dichiarazioni del ministro Bondi, insorto per i finanziamenti pubblici ricevuti dal film di Gianfranco Pannone Il sol dell'avvenire dedicato alla nascita delle Brigate Rosse. «Crediamo - scrivono ancora i Centoautori - che il cinema viva della libertá  e della possibilitá  di esplorare le zone d'ombra della nostra storia, senza che nessuno venga preventivamente a decretare l'inaccessibilitá  di fatti e episodi che la riguardano. C'è poi una questione di principio. La libertá  di espressione non è limitata alla stampa. Se il criterio è quello che dietro molti film c'è un finanziamento statale, l'editoria riceve centinaia di milioni l'anno di sostegno da parte dello Stato. Visto che in questi stessi giorni, il governo annuncia fortissimi tagli ai finanziamenti per la cultura e per il cinema, ci chiediamo se queste polemiche non siano solo strumentali».

I libri sono acquistabili in libreria o presso i rispettivi editori